FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Renzi dopo lʼapertura di Speranza: "Pronto a incontrarlo se fa sul serio"

Il segretario Pd mette subito le mani avanti sulla legge elettorale: "Accordo con tanti partiti, difficile rimetterla in discussione. Ma ok a discutere sulle cose concrete"

Renzi dopo l'apertura di Speranza: "Pronto a incontrarlo se fa sul serio"

"Se l'apertura annunciata da Speranza è seria, sono disposto a incontrarlo, ma per discutere di cose concrete. Sulla legge elettorale c'è stato un accordo tra tanti partiti e rimetterla in discussione mi sembra molto difficile". Lo afferma Matteo Renzi, commentando le dichiarazioni del coordinatore di Mdp sulla volontà di dialogare con il Pd. E sulla mozione dem su Bankitalia dichiara: "Gentiloni e io l'abbiamo saputo nello stesso momento".

Renzi a Speranza: "Rosatellum ora non può cambiare"

Il segretario Pd aggiunge poi, ospite di "1/2h in più", che "Speranza è segretario del partito che si è scisso da noi a marzo", ma poi precisa: "Voglio guardare il bicchiere mezzo pieno, l'aspetto positivo. Se è un'apertura seria, e sono convinto possa esserlo, discutiamone. Ma discutiamo sulle cose concrete, come il 2,9% sul deficit, gli 80 euro. Siamo pronti a incontrare tutti, faremo la conferenza programmatica a Napoli".

Poi, aggiunge: "Chi venisse a dire che l'obiettivo per il Pd e il suo segretario non è tornare a Palazzo Chigi mentirebbe. Se vuoi cambiare le cose, devi stare nella stanza dei bottoni". E ancora, spiegando perché non abbia fatto la stessa cosa nella campagna referendaria, dichiara: "Il viaggio sul treno dem era impossibile farlo da presidente del Consiglio".

Visco, "spero facciano la scelta migliore" - Sul nodo Bankitalia, Renzi spiega: "Nella mozione Pd c'è un giudizio sul passato, ma per il futuro sceglierà Gentiloni. Io non ho nomi. Ho un profilo: vorrei che chiunque fosse scelto sia il migliore o la migliore possibile". E poi: "Volete nominare Visco? Fatelo. Volete un altro? Fatelo. Ma il giudizio su quanto accaduto deve essere il più laico possibile". Poi aggiunge: "Io trovo curioso che certa sinistra abbia quasi una subalternità culturale verso l'istituzione Bankitalia".

Mentre resta convinto della bontà dei contenuti della mozione Pd su Palazzo Koch e afferma: "Sia nel merito che nel metodo rivendico quanto fatto". Quella mozione che, spiega, è stata preparata dal gruppo Pd e a proposito della quale "Gentiloni e io" siamo venuti a conoscenza più o meno nello stesso momento. "E' evidente - commenta - che il governo sapesse il contenuto della mozione al punto che su alcuni passaggi, come la discontinuità, non era d'accordo, Gentiloni mi ha chiamato e l'abbiamo cambiata. Che ci fosse una mozione era noto a tutti, che il contenuto fosse troppo duro me l'ha detto Gentiloni per chiedermi di cambiarlo. Io ero in treno...".

"Difendo la politica, niente guerra agli alti burocrati" - Renzi tiene poi a precisare che "il mio obiettivo non è smontare l'establishment o fare la guerra agli alti burocrati. Non ho una battaglia aperta contro lo stato profondo. Ma sicuramente c'è in Italia una tendenza di fare a meno della politica degli alti burocrati. Come se qualcuno cercasse di dire che il vero potere è sempre quello e i politici passano. Ma non è la mia prima preoccupazione. Io mi voglio mettere in gioco e dire che oggi la politica ha un ruolo, non credo possa vincere solo l'establishment. IO rivendico il diritto della politica, della democrazia, del popolo a essere in grado di incidere".

Renzi: "La Boldrini non avrebbe dovuto ammettere quella mozione" - Infine, Renzi dichiara: "Io quella mozione su Bankitalia non l'avrei giudicato ammissibile se fossi stato il presidente della Camera, che non sono". E Laura Boldrini risponde: "Il segretario del Pd continua a confondere regole parlamentari e scelte politiche, scaricando sulla presidenza della Camera responsabilità che appartengono invece ai gruppi politici e a chi li guida. Non c'era alcuna ragione regolamentare per giudicare inammissibili le mozioni su Bankitalia, a partire da quella presentata dal M5s".

Ue, "chiederemo una flessibilità bis" - Il segretario Pd parla poi di programmi per la prossima legislatura, preannunciando: "Penso che l'Italia debba proporre una flessibilità bis. La stessa richiesta del 2014 deve essere rimodulata con il pacchetto 'back to Maastricht', cioè tornare a Maastricht. Anche sulla flessibilità ci dicevano che non ce l'avremmo fatta e invece ce l'abbiamo fatta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali