FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

I senatori del Pd: "Via dal Codice civile lʼobbligo di fedeltà dei coniugi"

Depositato a Palazzo Madama un disegno di legge di una sola riga. "Modello superato, è un retaggio di una visione vetusta del matrimonio" Al Senato è il giorno delle unioni civili: segui il tempo reale

I senatori del Pd: "Via dal Codice civile l'obbligo di fedeltà dei coniugi"

"Togliere dall'articolo 143 del Codice civile l'obbligo reciproco di fedeltà tra i coniugi". E' il disegno di legge depositato a Palazzo Madama da alcuni senatori del Pd mentre in Aula infuriava il dibattito sulle unioni civili. "E' un retaggio di una visione superata e vetusta del matrimonio - spiega Laura Cantini, prima firmataria del ddl -. Il giudice non può fondare la pronuncia di addebito della separazione sulla mera inosservanza di questo dovere".

Non è tutto. Secondo la Cantini e altri senatori Dem "la legge 219 del 2012 ha superato la distinzione tra figli legittimi e naturali, che rese fondamentale all'epoca l'obbligo di fedeltà tra i coniugi. Da questo punto di vista l'accordo raggiunto sulle unioni civili recepisce un modello molto più avanzato, che dovrà essere recepito dal Codice civile".

Cosa dice il Codice civile - Ecco il secondo comma dell'articolo 143 del Codice civile che i senatori Dem vorrebbero in parte modificare: "Dal matrimonio deriva l'obbligo reciproco alla fedeltà, all'assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell'interesse della famiglia e alla coabitazione".

Gli altri firmatari - Insieme a Laura Cantini hanno posto la propria firma in calce al ddl anche i demicratici Monica Cirinnà, Daniele Borioli, Rosaria Capacchione, Valeria Cardinali, Camilla Fabbri, Sergio Lo Giudice, Alessandro Maran, Mario Morgoni, Stefania Pezzopane e Francesca Puglisi. Presente inoltre la ex grillina Alessandra Bencini, ora nelle file dell'Italia dei Valori.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali