FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Inquinamento, allarme rosso a Pechino Vietati pure i barbecue allʼaperto

Intervengono le autorità: ristretta la circolazione dei veicoli, ridotta la produzione in alcune fabbriche e divieto di cucinare fuori dalle mura domestiche

Inquinamento, allarme rosso a Pechino Vietati pure i barbecue all'aperto

Un nuovo "allarme rosso" per lo smog è stato lanciato dalle autorità di Pechino, il secondo nella storia dopo quello del 7 dicembre scorso. L' Ufficio meteorologico della capitale afferma che da è attesa un'ondata di smog in tutto il nord della Cina. In conseguenza di ciò verrà ristretta la circolazione dei veicoli, alcune fabbriche dovranno chiudere e altre ridurre la produzione. Le scuole sono state inviate a chiudere.

Inquinamento, allarme rosso a Pechino Vietati pure i barbecue all'aperto

Niente barbecue - Tra le misure anti-inquinamento disposte dalle autorità cinesi, anche il divieto di accendere barbecue all'aperto.

Visibilità fino a un chilometro - Gli interventi si rendono necessari perché, secondo le previsioni, lo smog non si dissolverà prima di martedì prossimo e la visibilità a Pechino e nelle altre zone interessate scenderà a meno di un chilometro. La concentrazione di particelle inquinanti PM2,5 salirà a 500 per metro cubo d'aria quando l'Organizzazione mondiale della Sanità ritiene che oltre le 25 per metro cubo sussiste un pericolo per la salute.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali