FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

P.a., 227 licenziamenti nel 2014: in aumento rispetto al 2013

La maggior parte è dovuta ad assenze (ingiustificate, non comunicate nei termini)

P.a., 227 licenziamenti nel 2014: in aumento rispetto al 2013

Il ministero della P.a., attraverso l'Ispettorato, aggiorna al 2014 i dati sui licenziamenti, portando il valore a 227, in leggero aumento rispetto all'anno prima (219). La maggior parte è dovuta ad assenze (ingiustificate, non comunicate nei termini). Si spiegano così 84 licenziamenti, ma in questo caso il valore su base annua scende (nel 2013 erano 99).

Salgono a 63 i licenziamenti per inosservanza delle disposizioni di servizio, negligenza, comportamenti scorretti verso colleghi o utenti. Il l 37% dei licenziamenti è quindi causato da assenze 'anomale' dal servizio. Seguono le 'espulsioni' dovute a reati (72, valgono il 32% del totale).

In forte crescita rispetto al 2013 (+80%) i licenziamenti per cattiva condotta (63, pari al 28%). Una piccola parte è invece connessa ad attività extralavorative non autorizzate, il doppio lavoro (8, pari al 3%). Per il resto i dati sembrano abbastanza in linea con gli anni precedenti, per cui su quasi 7mila procedimenti avviati quelli che si concludono con sanzioni gravi, licenziamenti o sospensioni, sono circa un quarto.

Guardando ai settori, i licenziamenti si sono così ripartiti: 81 nella scuola (anno 2013/2014), 77 nei ministeri e nelle agenzie, 34 nelle asl e nelle aziende ospedaliere, 19 negli enti pubblici, 14 nell'università e 2 nei Comuni, ma qui il ministero ricorda che la trasmissione dei dati per gli enti territoriali non è obbligatoria.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali