FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

La Bce conferma a zero i tassi dellʼarea euro, ma Qe verso la fine | Draghi: "Rischi dal protezionismo"

Previsto allo 0,25% il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginali e al -0,40% quello sui depositi parcheggiati dalle banche presso la stessa istituzione

La Bce ha confermato come previsto a zero il principale tasso di interesse nell'area euro e ha rimosso dalla sua comunicazione l'opzione di procedere ad aumenti dell'ammontare del programma di acquisti di titoli, il Quantitative easing attualmente previsto fino a settembre 2018. "I dati confermano la forte crescita dell'Eurozona, ma potrebbero arrivare rischi dal protezionismo in aumento", ha detto il presidente Mario Draghi.

La Banca centrale europea ha previsto allo 0,25% il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginali e al -0,40% quello sui depositi parcheggiati dalle banche presso la stessa istituzione. Il Consiglio direttivo continua a prevedere che i tassi di interesse rimarranno ai loro livelli attuali per un lungo periodo di tempo e "ben oltre l'orizzonte degli acquisti netti di attività", ossia il programma di Qe la cui durata è prevista al momento fino a fine settembre.

Cancellata l'espansione del Qe in caso di peggioramenti - L'Eurotower cancella a sorpresa la formula con cui si è sinora impegnata ad espandere il piano di Qe "in termini di entità e/o durata" nel caso di un peggioramento delle prospettive. Gli acquisti di asset, tra cui i titoli di Stato, continueranno "all'attuale ritmo mensile di 30 miliardi di euro finché il Consiglio direttivo non riscontrerà un aggiustamento durevole dell'evoluzione dei prezzi coerente con il proprio obiettivo di inflazione" del 2% annuo. Francoforte spiega che "ciò contribuirà sia a condizioni di liquidità favorevoli sia a un orientamento di politica monetaria adeguato".

Draghi: "Sul Qe decisione unanime" - La decisione di rimuovere il riferimento al possibile ampliamento del Quantitiative easing "è stata unanime e di contesto", ha sottolineato Mario Draghi al termine del Consiglio direttivo, spiegando che "c'è stata una lunga discussione sui cambiamenti ulteriori di politica monetaria per i prossimi mesi". "Ricordo che la frase in questione era stata introdotta nel 2016, quando tagliammo la mole del Qe da 80 miliardi di euro al mese a 60 miliardi di euro al mese ed era ovviamente una situazione molto diversa da quella attuale", ha proseguito.

"Rivisto al rialzo il Pil 2018 dell'Eurozona" - Il Pil dell'Eurozona dovrebbe crescere del 2,4% nel 2018, dell'1,9% nel 2019 e del'1,7% nel 2020. Lo ha detto Mario Draghi, secondo cui il Prodotto interno lordo rispetto alle proiezioni di dicembre "è stato rivisto al rialzo nel 2018 e rimane invariato per gli anni successivi".

Sull'Italia: "Preoccupa la sostenibilità dei conti" - Il presidente della Bce è poi passato a parlare della situazione italiana: "La sostenibilità di bilancio è tra le più grandi preoccupazioni nei Paesi con alto debito".

Sui dazi Usa: "Le decisioni unilaterali sono pericolose" - "Le decisioni unilaterali sono pericolose e le dispute commerciali andrebbero discusse e regolate in ambiti multilaterali", ha affermato Draghi in merito ai dazi su acciaio e alluminio annunciati dall'amministrazione Trump. "Se imponi dazi sui tuoi alleati uno si chiede quali siano i tuoi nemici", ha detto ancora il numero uno dell'Eurotower, aggiungendo che questo tipo di misure può indebolire il generale clima di fiducia economico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali