FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il lavoro cʼè, ma mancano le figure professionali specializzate

Secondo lʼIstat unʼazienda su cinque non trova i dipendenti, mentre sono 400 mila i posti creati con Industria 4.0

Il lavoro c'è, ma mancano le figure professionali specializzate

La mancanza di lavoro è uno dei principali problemi in Italia. La ripresa economica sta avendo effetti positivi anche in questo settore. Le imprese stanno tornando ad assumere e cercare personale, ma spaventa la mancanza di alcuni profili professionali specializzati, assenti, quasi o del tutto nel nostro Paese.

Troppa elevata la discrepanza tra i profili richiesti e le scelte dei giovani che, molte volte, decidono di iscriversi all’Università in modo frettoloso e senza pensare all’impiego. Secondo l’Istat i posti di lavoro scoperti erano, nei primi tre mesi di quest’anno, pari all’1%. Alto anche il vuoto lasciato nel settore dei servizi, dell’istruzione, della sanità, dell’assistenza sociale e delle attività artistiche. Poche figure professionali qualificate per le quali le aziende sono disposte a tutto. Come confermato durante la giornata nazionale Orientagiovani organizzata da Confindustria.

In quest’occasione il vicepresidente  con delega al capitale umano, Giovanni Brugnoli, aveva affermato che “Entro cinque anni le imprese avranno bisogno di 200 mila nuovi lavoratori grazie al piano di Industria 4.0”. Ma la disoccupazione giovanile in Italia è ancora troppo alta e si attesta a circa al 35%; mentre coloro che né cercano un lavoro, né studiano , è pari al 25%.

Ancora pochi sono i giovani italiani che possiedono una laurea. Siamo agli ultimi posti in Europa per numero di laureati e ancora meno sono gli iscritti alle scuole professionali come gli Istituti tecnici, solo 9 mila, che formeranno i periti di cui c’è bisogno nel Paese.

Ma non finisce qui. Secondo il ministero del Lavoro entro il 2020 il fabbisogno di nuove figure professionali riguarderà per il 39% i settori scientifici e tecnici, per il 10% quello di operai specializzati, per il 21% dei servizi e per il 12% quello degli impiegati. All’appello infine mancheranno anche tanti laureati tra cui medici, economisti, ingegneri e insegnanti a causa del blocco per l'ingresso ai corsi di specializzazione. Lo Stato cerca di arginare  questa carenza favorendo l’inserimento dei ragazzi direttamente nelle aziende tramite l’alternanza scuola lavoro. Una pratica che non sempre ha dato i frutti sperati, ma sulla quale il Governo continua ad investire.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali