FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Padova, la 19enne arruolatasi con Isis: "Sono pentita, voglio tornare a casa"

Meriem Rehaily avrebbe telefonato a un familiare direttamente dalla Siria chiedendo aiuto. Era stata reclutata a luglio dagli jihadisti

Padova, la 19enne arruolatasi con Isis: "Sono pentita, voglio tornare a casa"

"Mi sono pentita, voglio tornare a casa". La richiesta d'aiuto è stata lanciata dalla Siria da parte di Meriem Rehaily, 19enne di origine marocchine fuggita da Arzegrande (Padova) a luglio per arruolarsi nell'Isis. La donna avrebbe chiamato un mese fa un suo familiare chiedendogli aiuto. Meriem era stata reclutata tra i foreign fighters attraverso Internet.

La giovane, dopo essere sparita, aveva pubblicato in Rete contenuti inneggianti allo Stato Islamico con il nome di "Sorella Rim".

La telefonata intercettata - La chiamata al familiare è stata intercettata dagli investigatori del Ros, che hanno fatto scattare il protocollo internazionale con l'obiettivo di proteggere Meriem e soprattutto la sua famiglia. Il timore è che l'annuncio di "diserzione" possa convincere i militanti di Daesh a tentare una ritorsione nei confronti degli stessi parenti della giovane.

Per fuggire dall'Italia Meriem, che aveva dichiarato di essere diventata un "soldato dell'esercito informatico", si sarebbe imbarcata da Bologna su un aereo diretto in Turchia e da qui avrebbe raggiunto la Siria.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali