FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Roma, sit-in dei terremotati davanti a Montecitorio: "Le macerie ve le portiamo noi"

“E’ un anno che i politici fanno promesse, è un anno che fanno passerelle e non hanno ancora concluso nulla", hanno gridato

"Le macerie ve le portiamo noi". Questo il grido di circa 200 terremotati arrivati a Roma dalle zone del sisma che, più di un anno fa, ha devastato il Centro Italia. Carichi di rabbia e indignazione, si sono presentati - con carriole piene di massi e pietre delle loro case crollate - davanti a Montecitorio, dove si sono radunati per un sit-in. Protestano per l’inefficace risposta del governo: in gran parte dei centri abitati, infatti, ci sono ancora macerie.

"E’ un anno che i politici fanno promesse - hanno gridato i terremotati davanti a Montecitorio - è un anno che fanno passerelle e non hanno ancora concluso nulla". Inoltre, lamentano il fatto che le casette sono state consegnate solo al 25% delle famiglie.

Secondo una stima di Legambiente, a un anno dal terremoto nelle quattro regioni colpite dal sisma - Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo - c’erano ancora 2,4 milioni di tonnellate di macerie da rimuovere. La viabilità, dunque, risulta compromessa. Inoltre, le casette sono troppo poche e il grande freddo è ormai alle porte…

Roma, la protesta dei terremotati davanti a Montecitorio: "Le macerie sono ancora tutte lì"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali