FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Lecce, litiga con due ciclisti e li investe uccidendone uno: pirata arrestato

Lʼuomo, un pregiudicato di 33 anni, è stato rintracciato grazie a un fanale della sua auto perso nellʼimpatto. Eʼ accusato di omicidio volontario

Lecce, litiga con due ciclisti e li investe uccidendone uno: pirata arrestato

I carabinieri hanno arrestato il pirata della strada che ha investito, pare volontariamente, due ciclisti, uccidendone uno, su una strada provinciale tra Casalabate e Squinzano, nel Leccese. L'uomo, un pregiudicato italiano di 33 anni, Andrea Taurino, è stato rintracciato grazie al numero di targa della vettura e a un fanale perso nell'impatto. E' accusato di omicidio volontario, tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale.

Secondo la ricostruzione dei fatti ci sarebbe stato uno scambio di epiteti tra un gruppo di ciclisti e l'automobilista che li stava superando. Poi l'inversione di marcia con l'automobile, che punta dritto sugli uomini in bici falciandone due prima di fuggire.

A gettare una ulteriore ombra sulla vicenda, già grave perché l'investitore non si è fermato a soccorrere gli investiti, è un testimone, anche lui in bicicletta, che seguiva a poca distanza gli altri. Tutti facevano parte di una carovana in mountain bike che procedeva a gruppetti lungo una percorso ciclo turistico sulla provinciale che collega Casalabate a Squinzano, in provincia di Lecce.

La vittima è Franco Amati, di 67 anni di Lecce. E' invece ricoverato nell'ospedale Vito Fazzi di Lecce l'altro ciclista investito, Ugo Romano, di 62 anni, anche lui leccese, che ha riportato traumi vari all'emitorace, al bacino, e alla clavicola e dovrà subire un intervento di chirurgia plastica all'orecchio sinistro, quasi del tutto staccato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali