FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Pordenone, lʼappello su Facebook: "Cerco mio figlio, lʼho dovuto abbandonare 43 anni fa"

"Sono Maria Cristina Zilli, nata il 23 ottobre 1956. Ti cerco, amore", questo il messaggio della donna

Pordenone, l'appello su Facebook: "Cerco mio figlio, l'ho dovuto abbandonare 43 anni fa"

“Sono Maria Cristina Zilli, nata il 23 ottobre 1956. Ti cerco, Amore”. Questo l’appello di una donna di San Vito al Tagliamento (Pordenone) che 43 anni fa abbandonò il figlio appena nato. Ora, benché sia madre di due ragazzi già grandi, lo cerca. Un messaggio breve, ma intenso, pubblicato su Facebook con la speranza che qualcuno possa metterli in contatto.

La storia - Come riporta Il Gazzettino, che ha ricostruito la storia, Zilli ai tempi aveva 17 anni e viveva a Zoppola (Pordenone). Si innamorò perdutamente di un militare delle sue stesse parti, in Friuli, e rimase incinta. Lui, quando venne a sapere che sarebbe diventato padre, sparì.

Era il 3 agosto 1974 quando Maria Cristina partorì. I genitori la portarono alla Clinica ostetrica dell’ospedale di Padova per mettere a tacere i pettegolezzi. La giovane non ebbe nemmeno il tempo di dare un nome al piccolo. A malapena riuscì a vederlo prima che venisse portato in un orfanotrofio della città. Primo e ultimo sguardo della loro vita. Almeno finché qualcuno non risponderà al suo appello…

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali