FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Faceva prostituire la figlia e la nipote: nonna mostro giocava i soldi al Bingo

La donna era a capo di unʼorganizzazione di rumeni che reclutava e induceva alla prostituzione giovani connazionali: quattro gli arresti a Genova

Faceva prostituire la figlia e la nipote: nonna mostro giocava i soldi al Bingo

La squadra mobile di Genova ha sgominato una banda composta da quattro persone di origine romena (tutte imparentate) che reclutava e poi induceva alla prostituzione giovani connazionali. A capo dell'organizzazione c'era una 61enne, da tempo residente nel capoluogo ligure, che obbligava la figlia e la nipote a prostituirsi. Parte del ricavato del meretricio veniva utilizzato dall'anziana per andare a giocare al Bingo.

I quattro cercavano giovani di famiglie umili che vivevano in stato di indigenza. Gli arrestati sono: Marioara Muntean, detta "Mariana", 61 anni, Maria Loredana Muntean, detta "Dana", 40 anni, Nicolae Carol Muntean, detto "Nicu", 35 anni, e Lajos Claudiu Molnar, detto "Loicica", 29 anni. Tutti sono nati a Hateg (Romania).

Ragazza al settimo mese di gravidanza costretta in strada - La banda faceva lavorare anche una ragazza al settimo mese di gravidanza. L'indagine è partita un anno fa dalla denuncia della terza figlia della 61enne, madre della ragazza obbligata a prostituirsi. L'inchiesta è stata condotta, anche con intercettazioni, dalla Squadra mobile. Gli arrestati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al reclutamento, induzione e favoreggiamento della prostituzione. Per fare guadagnare più soldi alle prostitute, la donna obbligava le ragazze ad assecondare i clienti su ogni richiesta e ad avere rapporti sessuali non protetti. Parte dei guadagni venivano inviati in Romania mentre altri investiti in gioielli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali