FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Crollo ponte, rivolta dei parenti contro i funerali di Stato a Genova

Molte famiglie si sono opposte alle esequie che saranno celebrate sabato. La parente di una delle vittime: "Vittime dello Stato"

E' il giorno dei primi funerali privati delle vittime del crollo del ponte Morandi a Genova. Molte famiglie, infatti, si sono opposte ai funerali di Stato che saranno celebrati sabato alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Sono 17, su 38 morti, qulle che hanno scelto le esequie private. Saranno 18, invece, i feretri ai funerali di Stato. "Non vogliamo una cerimonia farsa", si è sfogato il padre di una delle 4 vittime di Torre del Greco.

"Mio figlio non diventerà un numero nell'elenco dei morti causati dalle inadempienze italiane, farò in modo che ci sia giustizia per lui e per gli altri: non dobbiamo dimenticare". Lo ha scritto su Facebook Roberto, il padre di Giovanni Battiloro. "Non vogliamo un funerale farsa, ma una cerimonia a casa, nella nostra chiesa a Torre del Greco. E' un dolore privato e non servono passerelle. Da oggi inizia la nostra guerra per la giustizia, per la verità: non deve più accadere", ha concluso.

Come riportato da La Stampa, a smorzare i toni è stato poi il sindaco di Torre del Greco che, dopo essersi recato a Genova per sovrintendere alle operazioni di trasferimento delle salme, ha spiegato: "Non è un no ai funerali di Stato, ma la necessità di condividere il proprio dolore con le famiglie".

Al posto delle quattro bare dei ragazzi campani, ci saranno così le loro fotografie. Ma a dire no ai funerali di Stato sono state anche altre famiglie colpite dal lutto. "Quelle cose pubbliche non mi piacciono", ha detto Anna Timossi, la madre della 34enne Elisa Bozzo. Le sue esequie si terranno sabato alle 11 ma nella chiesa di Sarissola.

E proprio durante i funerali dei quattro ragazzi di Torre del Greco, una ragazza, Simona Fossa, parente di una delle vittime, ha letto dall'altare una lettera di addio. Lanciando un vero e proprio atto d'accusa: "I ragazzi sono vittime dello Stato assente" ma che ha come obiettivo quello "di arricchirsi. Spero che i responsabili paghino".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali