FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Viterbo, insultava un alunno con un lieve deficit: professoressa sospesa

La donna incitava poi i compagni a picchiarlo e deriderlo. Eʼ successo in una scuola media di Bagnoregio. A rivelare lʼaccaduto gli studenti

Viterbo, insultava un alunno con un lieve deficit: professoressa sospesa

Insultava un suo alunno con un lieve deficit cognitivo e poi incitava il resto della classe a picchiarlo e deriderlo. Per questo motivo una professoressa di italiano di una scuola media di Bagnoregio, in provincia di Viterbo, è stata sospesa dall'insegnamento. Sono stati gli stessi alunni, turbati dall'atteggiamento dell'insegnante, a rivelare ciò che accadeva in classe agli investigatori.

A far partire le indagini della squadra Mobile di Viterbo sono state le testimonianze di alcuni studenti durante una lezione sul bullismo organizzata dalla scuola.

Agli insegnanti che spiegavano i comportamenti che rientrano nella sfera del bullismo, i ragazzi hanno rivelato che cose simili accadevano nella loro classe, con la professoressa che offendeva il loro compagno con un lieve deficit cognitivo e invitava gli altri studenti a picchiarlo con schiaffi o con il righello costringendo la vittima a restare ferma su una sedia.

Nel provvedimento di sospensione il Gip sottolinea come il ragazzino venisse "emarginato", "deriso" e "umiliato" davanti alla classe.

La Squadra Mobile avvierà ora ulteriori accertamenti per verificare se qualcuno abbia taciuto sugli episodi di violenza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali