FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Stadio Roma, Luca Lanzalone si dimette da presidente di Acea

Lʼavvocato arrestato nellʼambito delle indagini sulla costruzione dello stadio della Roma ha deciso di fare un passo indietro. Poco prima il vicepremier Di Maio si era auspicato una decisione in tal senso

"L'avvocato Lanzalone ha rimesso il mandato di Presidente del Consiglio di Amministrazione di Acea SpA". E' stata la stessa società, in un comunicato, ad annunciare le dimissioni del presidente arrestato nell'ambito delle indagini sulla costruzione del nuovo stadio della Roma. Poco prima il vicepremier e leader del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, aveva chiesto un passo indietro: "Da noi chi sbaglia paga" aveva detto.

"Il Consiglio di Amministrazione - prosegue il comunicato -, nella riunione del 21 giugno 2018, assumerà le opportune determinazioni al riguardo". Di Maio aveva detto di aver considerato Lanzalone "una persona preparata, ma chi è ai domiciliari non può mantenere una tale carica. Mi aspetto che si dimetta nelle prossime ore". E le dimissioni sono arrivate quasi in tempo reale.

"Chi ha sbagliato paghi" - Il Movimento 5 stelle sceglie la linea dura dunque nei confronti di un uomo che, a sentire la capogruppo in Regione Lazio Roberta Lombardi, è stato portato "da chi si occupava degli enti locali". "Sono rimasta esterrefatta dalla notizia sia dell'arresto che dell'indagine su Ferrara (capogruppo M5s a Roma) - dice la Lombardi a Repubblica -. Mai avrei pensato che episodi del genere potessero riguardare il mio movimento".

E aggiunge che chi ha dato a Lanzalone il potere "ha commesso un grave errore politico e deve chiarire", quindi che "i M5s individuino le responsabilità politiche e si faccia ammenda". Lanzalone, spiega, "è entrato in contatto con il gruppo che gestiva gli enti locali, da Livorno, dove ha lavorato per il risanamento dell'Aamps, fino a Roma, dove dopo il caso Marra fu messo a controllare tutto quello che Raggi aveva firmato nei mesi incui lo aveva avuto come braccio destro". A occuparsi degli enti locali a Roma, scrive ancora Repubblica, erano Luigi Di Maio, Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro.

Ma la Lombardi i nomi non li fa e ribadisce: "Ho detto il gruppo degli enti locali" raccontando poi del suo scontro con l'avvocato sullo stadio della Roma. Lanzalone, dice, "insisteva su quel progetto che non poteva essere revocato senza grosse penali. Io chiesi un parere a un importante studio legale e lo fermai. Lui diceva che per fortuna non ero diventata presidente perché non so fare politica. Sono fiera di non saper fare quel genere di politica".

Parnasi e i 250mila euro a Più voci - Il macigno giudiziario che si sta riversando sulla giunta capitolina passava in gran parte, secondo le carte, dall'altra figura chiave, l'imprenditore Luca Parnasi. A lui sarebbe da imputare il versamento di 250mila euro, fatto tramite una sua società, all'associazione "Più voci" considerata vicina alla Lega. In un'intercettazione telefonica il costruttore parla di quel versamento dicendo che "non è stato fatto per Salvini, ma per creare un sistema di imprenditori, appaltatori".

Congelato l'iter per lo stadio - Alla luce di quanto emerso dalle indagini il dipartimento Urbanistica del Campidoglio ha inviato una lettera alla società costruttrice Eunova per chiedere chiarimenti circa l'interlocutore dopo l'arresto del costruttore Luca Parnasi. A prendere le redini aziendali probabilmente subentrerà un curatore "commissario". Ora si dovrà vagliare se tutti gli atti dell'opera si confermeranno legittimi. Procedura che di fatto congela l'iter del progetto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali