FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Reggia di Caserta, il direttore: riscoprire lʼorgoglio civico

Mauro Felicori, accusato da alcuni sindacati di "lavorare troppo" promette impegno e grande responsabilità

Reggia di Caserta, il direttore: riscoprire l'orgoglio civico

"E' un complimento, c'è tanto da fare qui che mi sento obbligato a lavorare molto. Lo richiede la situazione in cui si trova la Reggia, ma anche la comunità casertana che sta riscoprendo l'orgoglio civico. Sento una grande responsabilità". Così dice Mauro Felicori, direttore della Reggia di Caserta accusato da alcuni sindacati di "lavorare troppo" e difeso non solo dal premier Matteo Renzi, ma anche dal segretario Cgil Susanna Camusso.

Sul fatto che resti fino a tardi in ufficio, "non c'è alcun pericolo - spiega a Repubblica -. Nessuno fa straordinari perché io resto fino a tardi. La Reggia è vigilata 24 ore su 24, sempre"."Questa critica - prosegue - è un apprezzamento, sono fiero di dare tutto me stesso per questo incarico. C'e' stata una divisione tra le sigle sindacali, penso e spero che non rappresenti il punto di vista dei lavoratori della Reggia, che mi hanno accolto bene e sono tutti motivati. La stragrande maggioranza dei dipendenti è attaccata al proprio lavoro".

Sul premier Matteo Renzi che dice che la pacchia è finita, Felicori osserva: "I lavoratori sono stati lasciati soli, non sono stati seguiti, negli ultimi tempi il direttore stava a Napoli, e non per sua scelta, ovviamente. Io sono il primo che si sveglia la mattina e l'unico pensiero che ha e' la Reggia, e tale resta fino a quando lascia il lavoro. Credo molto nell'esempio. Vedo tante persone motivate, c'è un forte cambiamento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali