FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Napoli, agente della polizia municipale ucciso in un agguato a Ponticelli

Il vigile urbano, che era in borghese e senza documenti, è stato raggiunto da diversi colpi dʼarma da fuoco allʼaddome. Gli investigatori pensano a un omicidio per vicende personali

Napoli, agente della polizia municipale ucciso in un agguato a Ponticelli

Un agente della Polizia Municipale di Napoli, il 59enne Mariolino "Manlio" Barometro, è stato ucciso in un agguato davanti a una cremeria nel quartiere periferico di Ponticelli. L'agente, in servizio all'ufficio dei giudici di Pace partenopei, è stato centrato da diversi colpi di arma da fuoco all'addome. Trasportato in gravissime condizioni in ospedale, all'arrivo della polizia era già morto. La dinamica dell'agguato non è ancora chiara.

Secondo gli investigatori l'agente, che martedì era in ferie, era in borghese e non aveva con sé i documenti, non è stato una vittima casuale: il bersaglio dei killer, che gli hanno esploso contro diversi colpi da distanza ravvicinata, era proprio lui. A riconoscerlo sono stati i medici dell'ospedale evangelico "Villa Betania", che hanno tentato senza successo di rianimarlo.

Gli investigatori indagano a 360 gradi, ma una pista più seguita delle altre è quella di un delitto compiuto per vicende personali. Barometro era lo zio di Rolando Mandragora, ex giocatore del Genoa e ora centrocampista della Juventus in prestito al Pescara, nazionale dell'Under 21.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali