FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Bancarotta: Emilio Fede condannato a tre anni e mezzo di carcere

Il giornalista è al centro dellʼinchiesta legata al fallimento della società di Lele Mora. Dovrà inoltre risarcire 1,1 milioni di euro ai creditori coinvolti nella procedura fallimentare

Bancarotta: Emilio Fede condannato a tre anni e mezzo di carcere

I giudici del Tribunale di Milano hanno condannato Emilio Fede a 3 anni e mezzo di carcere per concorso in bancarotta nell'ambito della vicenda legata al fallimento della società di Lele Mora, la Lm Management, e del presunto dirottamento a suo favore di 1,1 milioni di euro della somma stanziata da Silvio Berlusconi per salvare la società. Fede dovrà risarcire per intero la somma ai creditori coinvolti nella procedura fallimentare.

La ricostruzione - Nel 2010 Lele Mora, prima di fallire, aveva chiesto e ottenuto da Berlusconi un aiuto economico di circa 2,8 milioni di euro. Per il pm Eugenio Fusco, Fede avrebbe fatto da mediatore tenendosi una parte del contributo. La somma, 1 milione e 110 mila euro, dovrà essere versata a titolo di risarcimento da Fede al curatore fallimentare che si occupa del crac dell'azienda di Mora.

Fede: "Spero di vedere la sentenza definitiva"- "L'accusa aveva chiesto 3 anni, il Tribunale generosamente mi ha dato 3 anni e 6 mesi: non voglio esprimere rabbia perché non è giusto, continuerò a difendermi, verrà l'Appello e poi la Cassazione, spero solo di arrivare a vedere la sentenza definitiva". Con queste parole Emilio Fede commenta la sentenza di condanna nei suoi confronti. "Credo ancora nella Giustizia, anche se questa sentenza mi sembra un'eccezione, visto che il Tribunale ha inflitto più di quanto chiesto dall'accusa. Forse fa più notizia sui giornali. Mi conforta pensare che con l'età che ho non possono mettermi in galera - conclude -. Semmai dovessi vedere la sentenza definitiva, chissà, magari mi metteranno ai servizi sociali".

Il legale di Fede: "Sentenza ingiusta" - "E' una sentenza che certamente contesteremo perché è assolutamente ingiusta. Fede in questa vicenda è assolutamente estraneo e lo dimostreremo in appello". Queste le parole dell'avvocato Alessandra Guarini, legale di Emilio Fede, dopo la condanna per concorso in bancarotta. "Le testimonianze hanno provato l'innocenza di Fede - aggiunge - ed è quindi sorprendente la condanna di Fede decisa dal Tribunale di Milano".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali