FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Salute >
  • Ketamina per curare la depressione<br>Ricerca Gb: "Ha effetti benefici"

Ketamina per curare la depressione
Ricerca Gb: "Ha effetti benefici"

La sostanza, molto diffusa come droga tra i giovani, è stata sperimentata in ospedale su pazienti

- Ketamina come cura alla depressione. A Oxford ci hanno provato, ottenendo risultati incoraggianti. Ricercatori inglesi hanno somministrato dosi di questa droga a persone colpite dalla depressione e che non rispondevano alle terapie tradizionali. Gli effetti sono stati soddisfacenti, tanto che alcuni pazienti hanno avuto benefici durati anche alcune settimane. La sperimentazione prosegue.

Ketamina per curare la depressioneRicerca Gb: "Ha effetti benefici"

La ketamina è una sostanza usata anche come anestetico per cavalli. I suoi effetti sull'uomo possono essere devastanti, soprattutto per il cervello. I ricercatori dell'Oxford Health NHS Foundation Trust ne hanno però estratto un infuso, per somministrarlo a pazienti affetti da forti stati depressivi; persone sulle quali le cure tradizionali non avevano effetto. I risultati sono stati sorprendenti.

Alcuni pazienti hanno avuto una ricaduta quasi immediata, ma su altri, circa il 30%, sono stati registrati miglioramenti sensibili e duraturi. Anche fino a tre settimane. Una parte più piccola, il 15%, ha avuto benefici di alcuni mesi. Gli effetti collaterali, riporta il MailOnline, sono stati minimi perchè la ketamina è stata ingerita invece che iniettata. "La ketamina è un metodo promettente per combattere la depressione, funziona in modo diverso dagli altri antidepressivi esistenti. Abbiamo soprattutto voluto verificare che infusioni ripetute non fossero causa di problemi cognitivi", spiegano gli psichiatri dell'università oxfordiana.

La ketamina, al di fuori dalle cure ospedaliere, è considerata una droga a tutti gli effetti ed è attualmente classificata dalle autorità britanniche come una delle sostanze stupefacenti più pesanti in circolazione.

TAG:
Oxford Health Foundation
National Health Service