FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Salute >
  • I nati in primavera hanno più rischi di contrarre il tumore della pelle

I nati in primavera hanno più rischi di contrarre il tumore della pelle

Gli esperti sottolineano i pericoli dell'esposizione nei primi mesi di vita in occasione della campagna dell'Euromelanoma Day 2014

- Chi è nato tra marzo e maggio mostra una maggiore incidenza del melanoma nel corso della vita. L'allarme è lanciato dai dermatologi nell'Euromelanoma Day 2014 del 26 maggio sulla base di uno studio condotto dalla Stanford University in collaborazione con la svedese Lund University e pubblicato su International Journal of Epidemiology. Gli esperti sottolineano che i primi mesi rappresentano un periodo critico di suscettibilità all’esposizione solare per lo sviluppo del tumore della pelle.

I nati in primavera hanno più rischi di contrarre il tumore della pelle

Di cosa si tratta - Il melanoma è un tumore maligno, quello più aggressivo tra tutti i tumori della pelle in termini di mortalità. In Italia ogni anno si registrano circa 14 nuovi casi di melanoma ogni 100mila uomini, oltre 13 casi ogni 100mila donne.Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è pari all’81% ed è fortemente influenzato dallo stadio di avanzamento del melanoma.

Le scottature da piccoli sono decisive - Ketty Peris, direttore della clinica dermatologica del Policlinico Gemelli di Roma, spiega: "Proteggere i più piccoli risulta quanto mai importante perché chi si è ustionato al sole da bambino ha un maggior rischio di sviluppare un tumore della pelle da adulto. Inoltre, lo studio scientifico appena pubblicato esorta a una maggiore protezione dai raggi solari per i bambini nati durante il periodo primaverile. Questi, infatti, vengono esposti al sole precocemente e più a lungo rispetto a quelli nati nei mesi invernali".

Tutti devono controllare i nei - I tumori della pelle purtroppo possono interessare tutti pur in assenza di un fattore di rischio come l’esposizione al sole per lunghi periodi, i capelli rossi o la carnagione molto chiara, l’utilizzo di lampade solari o la presenza di più di 50 nei. Risulta, quindi, fondamentale controllare costantemente la propria pelle e rivolgersi a un dermatologo qualora si osservi la comparsa di nuovi nei o il cambiamento di quelli già presenti.

Anche un numero verde - L’Euromelanoma Day 2014, la campagna europea di informazione sul melanoma e sui tumori della pelle, dedicata alla prevenzione e alla consulenza di specialisti dermatologi, promossa e realizzata nel nostro Paese dalla Sidemast. Tra le iniziative anche "L’esperto risponde": il 26 maggio dalle 9 alle18, a disposizione il numero verde 800 591309 al quale uno specialista del centro dermatologico più vicino fornirà le informazioni necessarie per una corretta prevenzione e una diagnosi precoce del melanoma e degli altri tumori della pelle non melanoma.

Come prevenire - E' possibile prevenire i tumori della pelle attraverso il rispetto di poche regole: l’utilizzo regolare di schermi solari ad alta protezione (30-50 SBF), l’applicazione della crema ogni due ore, la protezione di pelle e occhi con cappelli, magliette e occhiali da sole. Non bisogna mai esporsi al sole durante le ore più calde, dalle 11 alle 14. Bisogna, inoltre, evitare lampade e lettini solari.

TAG:
Sidemast
Ketty Peris
Stanford University
Lund University