FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Parigi, Chanel sfila al supermercato

La collezione autunno-inverno tra migliaia di confezioni

- Una sfilata divertente, con 80 modelle in scena, all'assalto dei banchi di un supermercato accuratamente ricostruito sotto le cupole del Grand Palais, tra centinaia di confezioni di cibarie e articoli casalinghi: siamo alla presentazione della collezione Chanel autunno inverno 2014-15, nell'amito della Settimana della moda di Parigi.  Le modelle, dopo aver sfilato, restano in scena, guidano i carrelli e li riempiono, scelgono i prodotti e si trattengono a chiacchierare tra loro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    Karl Lagerfeld ha inventato una scenografia che ha lasciato il pubblico davvero di stucco. Le modelle sfilano in uno shopping center, ma non di quelli modaioli e lussuosi: tutto si svolge in un vero e proprio ipermercato, con tanto di 34 reparti affollati di generi alimentari e prodotti per la casa, come frutta, formaggi. C'è da dire che non si trattava di prodotti qualsiasi: le bottiglie dell'acqua sono contrassegnate come Chanel N.0, i biscotti hanno le due C incrociate, le confezioni di ovatta si chiamano "cocoton Chanel", il paté de fois non è affatto gras, ma magro, i guanti di gomma per le pulizie sono neri e con la camelia. Tutto è talmente curioso da distrarre perfino dalla contemplazione dei modelli che sfilano sulla passerella, ovvero nei corridoi tra gli scaffali. Le modelle, dopo aver completato la presentazione del loro modello, non escono di scena, ma si attardano tra i banchi, a conversare, scegliere i prodotti e riempire i cestini della spesa.

    La top model Stella Tennant, tradizionalmente legata alla griffe, indossa una scintillante tuta da ginnastica, le sneakers luccicanti e un elegante cappottino a trapezio in tweed di lana a quadri neri bianchi grigi: sfila facendo dondolare un cestello tutto decorato di lustrini e catene e sembra una signora uscita di corsa per fare la spesa buttandosi addosso il primo cappotto che ha trovato nell'armadio. Anche le altre modelle sono in scarpe da ginnastica, proposte anche in versione stivale, con tute aderenti tipo leggings, indossati sotto i tailleur bon ton e con gli abiti con la vita segnata come un bustino steccato, in piena controtendenza rispetto a Coco Chanel che ha liberato le donne dalla schiavitù del corsetto. In passerella tanto grigio melange, ma anche rosa, corallo e fucsia e fodere a fantasie geometriche per i soprabiti colorati,

    Al termine della sfilata, gli ospiti si sono precipitati ad accaparrarsi un ricordo tra gli oggetti sugli scaffali, come una scatoletta di acciughe o una confezione di spaghettini (sottili naturalmente). Purtroppo, al momento di lasciare il supermercato e presentarsi alla cassa, c'è stata l'amara sorpresa di dover abbandonare il piccolo bottino, ma c'è da chiedersi quanti avranno effettivamente rinunciato al loro gadget modaiolo.

    TAG:
    Moda
    Parigi
    Chanel