TGCOM

Gossip

Tutte le ultim'ora

29/5/2008

Paola&Chiara: ecco come siamo sexy

Al Tgcom: i nostri fisici piacciono

Altro che Monica Bellucci! Le due bombe sexy del Tgcom sono Paola & Chiara, le sorelline della canzone italiana. Preferite dai nostri lettori, la bionda e la mora svelano il segreto del loro fascino irresistibile: "E' il rispetto di sé a rendere sensuale qualsiasi persona". Paola non ha specchi in casa, ma confessa che il suo corpo le piace tutto, mentre il punto forte di Chiara sono gli occhi. E sugli uomini hanno le idee chiare.

Un sondaggio di Tgcom vi ha elette le star italiane più sexy. Avete battuto bellezze del calibro della Bellucci...
CHIARA:
Adoro Monica Bellucci.Lei è la numero uno.E’ una che probabilmente ama e crede in se stessa o ha imparato nel tempo, ne ho la certezza. Il rispetto di sé rende sexy qualsiasi individuo, ti porta a realizzare i tuoi sogni.
PAOLA: Ecco innanzitutto approfitto per ringraziare i lettori del Tgcom. Credo che la sensualità sia un mix di cose, di bellezza estetica, ma anche di atteggiamento, di capacità di fare, di sicurezza di sé e del proprio corpo, di consapevolezza dei propri punti di forza, di come comunichi all’esterno il tuo vivere. Non so se in noi ci siano tutte queste cose, ma mi piace sempre l’idea di essere con Chiara un modello positivo per le persone e per le donne.

Il rapporto che avete con il vostro corpo?
CHIARA:
Qualche anno fa non ci badavo più di tanto. Oggi apprezzo e sento di più le mie emozioni: il corpo ti parla, è la tua bussola. Mi curo di più. Mi sto riscoprendo solare e con una nuova vena ironica, è una bella sensazione.
PAOLA: Una volta un po’ conflittuale. Oggi è molto migliorato,anche se sono sempre critica. Non ho specchi in casa, se non uno in bagno. Ho imparato un po' di più a sentirmi che a guardarmi. Sto attenta a non mangiare troppo, cerco di bere tanta acqua, di dormire almeno sette ore.

La parte del corpo che preferisci?
CHIARA:
Le mie spalle e il seno. Gli occhi. Il mio profilo sinistro.
PAOLA: Mi piacciono il viso, le mani, la pancia, il sedere, la schiena, le spalle, il seno, i piedi…insomma tutto!  

Foto:Paolo Santambrogio Styling: Antonio Frana Make-up: Adrian Alvarado Hair: Masha Brigatti P&C wear LaCoste

Che cambieresti?
CHIARA:
Non mi piacciono i nei e le lentiggini. Da bionda/rossa amo che la mia pelle resti bianca, adoro il sole ma non mi piace abbronzarmi.
PAOLA: Una volta avrei risposto le gambe. Le avrei volute più lunghe,ma l’essere piccola di statura mi permette di avere un piede piccolino. Adoro i piedi piccoli e aggraziati. Essere piccola mi piace un sacco.

Avete chiuso entrambe storie importanti. Ora siete fidanzate o innamorate?
CHIARA:
E’ stato tempo fa. Smettere di soffrire è stata la cosa più difficile da fare. Non sono innamorata ma sono serena, tutto arriverà.
PAOLA: Ho sofferto moltissimo per amore. Ho amato molto, ma credo con poca misura. Ho vissuto una bellissima storia di quasi cinque anni che mi ha segnato parecchio in molte cose.

Il vostro sex symbol?
CHIARA:
Trovo molto sexy e di classe gli uomini che giocano a rugby. Anche Filippo di Spagna è bello. E ultimamente ho visto delle foto di Lapo Elkann in gran forma. Sono molto sensuali anche gli uomini ebrei. Dimenticavo Michael Caine: adoro la sua eleganza e il fascino british. Ma gli italiani, sono sempre il top.
PAOLA: Marlon Brando.

Avete sempre dichiarato di esservi ispirate a Madonna. Come lei avete abbracciato la Kabbalah e sposato alcuni suoi progetti come 'Raising Malawi' (lo stesso che ha portato Madonna ad adottare un bambino africano). In cosa vi rivedete?
CHIARA
: Abbiamo piantato molti semi quest’anno,creando la nostra etichetta discografica, facendo beneficenza, dedicandoci ai nostri sogni e a realizzarne alcuni. Studiare Kabbalah aiuta a potenziare le proprie qualità. Ammiro Madonna per tutte queste ragioni.
PAOLA: Personalmente mi sono ispirata a Madonna come ad altri grandissimi artisti sia pop, sia rock.

Madonna a Parigi si è scambiata un lungo bacio saffico con una donna. Voi avreste baciato Madonna?
CHIARA
: Why not ? Lo troverei alquanto divertente, voglio molto bene alle donne e adoro avere complicità e ironia con loro, ma ci tengo a dire che propendo per il genere maschile.
PAOLA: No

Il vostro singolo si chiama Vanity &Pride quanto conta nella vita la vanità e quanto l'orgoglio?
CHIARA
: Vanità e orgoglio sono più o meno forme di ego. Probabilmente esistono per un motivo: per resistergli. Facile a parole, più difficile da mettere in pratica. La vanità e l’orgoglio a volte allontanano le persone, a meno che non si usi questi atteggiamenti con un po’ d’ironia. La canzone dice questo: diamo di più a noi stessi, resistiamo all’ego. Questa è la sfida che abbiamo lanciato al pubblico e a noi stesse.
PAOLA: Win the Game, che è il titolo dell’album e che letteralmente significa Vinci il gioco è il messaggio della nostra musica. Da sempre adoriamo trasmettere energia e divertimento a chi ci ascolta,senza tralasciare importanti riflessioni sulle persone,sulle nostre esperienze che potrebbero essere da esempio e sul valore della vita.

Nel video giocate a tennis e avete dichiarato che l'idea nasce dal titolo dell'album Win the game, dando quindi grande importanza ai valori dello sport. Che ruolo ha nella tua vita?
CHIARA:
Pratico Pilates da tre anni. Allenandomi a giocare a tennis per il video con Paola per tre settimane ho riscoperto il gusto dell’azione, della sfida. Ho provato una forte emozione. E’ bellissimo che tutto sia nato dalla musica. Credo che la musica associata allo sport sia un’alleanza di grande valore. Lo sport è anche lealtà e disciplina. 
PAOLA : Ho fatto sport con molta più costanza quando ero ragazzina. Poi non ho più fatto nulla per parecchio. Poi verso i 20 anni ho ricominciato con la palestra, anche se non è mai stato il mio ambiente ideale. Da allora in poi il mio rapporto con lo sport è sempre stato discontinuo. Nel 2000, quando è uscito Vamos A Bailar, mi sono riavvicinata alla danza. Oggi invece c’è un ritorno del tennis.

Il regista del video, Simone Falcetta, è un grande tatuatore. Vi ha fatto qualche tatuaggio? Che rapporto avete con i tatuaggi?
CHIARA
: Simone è bravissimo e ha interpretato molto bene la nostra idea del match di tennis. Lui non ci ha fatto tatuaggi, per ora. Ci siamo tatuate spesso in passato, anche in modo piuttosto vistoso. Oggi non mi sento molto incline a nuovi tatuaggi.
PAOLA : No Simone non ci ha mai tatuato. Anche se dopo aver visto i suoi splendidi lavori io quasi quasi….No scherzo, ne ho due. Un trifgoglio sulla pancia e un serpente con una spada sulla spalla destra. L‘ultimo l’ho fatto nel 1998. Ora non sento più la necessità di tatuarmi anche se continuano a piacermi i tattoo. Per me hanno lo scopo di segnare sulla pelle dei cambiamenti importanti nella mia vita.

Caterina Varvello