ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
25/5/2006

La Polonia mobilitata per il Papa

Tutto pronto per visita del pontefice

E' tutto pronto per l'arrivo in Polonia di Papa Benedetto XVI. Per la visita di quattro giorni del pontefice, nessun aspetto è stato trascurato: pronti un videoclip per invitare alle cerimonie, un sito Web nuovo di zecca per le previsioni del tempo e un numero di telefono attivo 24 ore su 24 per sapere tutto sulla sua visita. A occuparsi della sicurezza saranno 15 mila poliziotti e un aereo Awacs della Nato.

Un'intera nazione si è mobilitata per la prima visita del Papa succeduto a Giovanni Paolo II. E Papa Ratzinger in Polonia è molto amato anche perché di Wojtyla è considerato un amico. In suo onore sono state organizzate donazioni straordinarie di sangue, sono stati vietati gli alcolici e la pubblicità osé in televisione e i ragazzi cattolici si apprestano a consegnargli un libro in cui affermano il proprio impegno contro la droga.

Le diocesi hanno preparato appositi messali con parti in latino, che verranno distribuiti in particolare durante le messe di Varsavia in piazza Pilsudski e al Blonie di Cracovia, il grande parco che ha ospitato tutti gli incontri di Giovanni Paolo II nella sua diocesi. Sia le grandi città che i piccoli centri della provincia sono invasi da stendardi e striscioni che inneggiano al papa, riproducono il motto della sua visita e lo ritraggono con il suo predecessore. 

Il viaggio terminerà con la visita al campo di sterminio di Auschwitz, un momento particolarmente delicato perché Papa Ratzinger è tedesco. 

Papa Benedetto XVI è giunto di mattina presto all'aeroporto di Fiumicino. L'elicottero che lo ha portato dal Vaticano al "Leonardo da Vinci" è atterrato alle 8:18 e si è fermato nelle vicinanze della piazzola di sosta denominata "Whisky 5", dove è parcheggiato l'aereo papale, un A321 dell'Alitalia battezzato "Piazza S.Francesco Assisi". Tra rigide misure di sicurezza, ad accoglierlo c'era il presidente del Consiglio, Romano Prodi.