FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

LʼEuropa pronta a intervenire contro le specie aliene invasive

Pronta una lista di 37 animali e piante che mettono in pericolo lʼecosistema del Vecchio Continente: si stima provochino almeno 12 miliardi di euro lʼanno di danni soppiantando le specie autoctone

L'Europa pronta a intervenire contro le specie aliene invasive

L'Unione europea si prepara ad adottare una lista nera delle specie aliene invasive, cioè di animali e piante di origine straniera che nel Vecchio Continente diventano veri e propri eco-flagelli. Dallo scoiattolo grigio al gambero della Louisiana, è l'Italia ad ospitarne il maggior numero in Europa, dove si stima provochino almeno 12 miliardi di euro l'anno di danni alle attività economiche.

L'elenco conta 37 specie, almeno 23 delle quali sono presenti nel nostro Paese: l'Italia avrà l'obbligo di attivarsi per il controllo, evitarne la diffusione e attrezzarsi con sistemi di allerta e prevenzione. L'obiettivo della lista nera Ue è quello di prevenire l'arrivo di potenziali pericoli e limitare gli effetti di quelli già presenti, debellando, quando ancora è possibile, la minaccia. L'adozione della "lista nera" è attesa entro gennaio, e da quel momento scatteranno i divieti automatici di commercio, possesso e trasporto.

Per quanto riguarda l'Italia, tra le specie più diffuse per le quali diventeranno obbligatori piani di gestione e di controllo ci sono la nutria, lo scoiattolo grigio americano (che sta soppiantando quello rosso europeo e devasta gli ecosistemi forestali in Piemonte, Lombardia, Liguria e di recente anche nel Perugino e nel Padovano) e la famigerata Vespa velutina nigrithoraxis, predatrice di api e impollinatori essenziali per l'ambiente.

L'Italia dovrà estirpare anche le colonie di piante ornamentali acquatiche dannose una volta liberate in natura, come il giacinto d'acqua (Eichhornia crassipes) e la Ludwigia grandiflora.

Dal punto di vista commerciale, invece, non potranno più essere importati un granchio cinese e una tartarughina americana (Trachemys scripta). Ma mancano del tutto specie rilevanti per il commercio, come il visone americano: per questo l'Europarlamento ha votato una dichiarazione politica considerando l'elenco "inaccettabile" perché incompleto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali