FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il costo della burocrazia sullʼeconomia italiana

Secondo Bruxelles, la riduzione degli adempimenti burocratici “è un fattore essenziale” per promuovere la creazione di posti di lavoro

Il costo della burocrazia sull'economia italiana

In Italia – le classifica sulla facilità di fare impresa redatta ogni anno dalla Banca mondiale lo testimonia ampiamente – l'eccessiva burocrazia rappresenta un limite per le imprese, costrette a fare i conti con regole complesse e numerose, tempi di risposta lunghi e costi consistenti.

Nel nostro Paese, osserva uno studio di Rete Imprese Italia e del Centro europa ricerche, la burocrazia costa alle piccole e medie imprese 31 miliardi di euro: l'equivalente al 2% del Prodotto interno lordo italiano, in pratica.

Si tratta di una cifra notevole, ma che potrebbe essere ridotta. Degli oltre 30 miliardi sborsati ogni anno dalle imprese, circa 9 miliardi sono oneri impropri dovuti alle inefficienze burocratiche e che dunque potrebbero essere eliminati, garantendo all'economia importanti benefici. Vediamo quali. Con l'eliminazione degli oneri impropri, sostiene Rete Imprese Italia, il Pil aumenterebbe di 16 miliardi di euro e la disoccupazione scenderebbe dello 0,5% nell'arco di quattro anni.

La riduzione degli adempimenti burocratici è una priorità anche per la Commissione europea. Secondo Bruxelles, infatti, ridurre la burocrazia a livello nazionale ed europeo “è un fattore essenziale” per “promuovere un clima imprenditoriale e la creazione di posti di lavoro”. Come dimostrato dalla ricerca di Rete imprese Italia, citata in precedenza, e da un recente dossier del Centro studi di Confindustria.

Secondo il CsC, una diminuzione dell'1% dell'inefficienza della Pubblica amministrazione – misurata dalla difficoltà a raggiungerne gli uffici – garantirebbe un aumento del livello del Prodotto interno lordo pro-capite (+0,9%) e un incremento dello 0,2% della quota dei dipendenti in imprese a partecipazione estera sul totale dell'occupazione privata non-agricola, che nel 2008 era pari al 5,1%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali