FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Fmi: "Ripresa in Italia resta fragile"

"Il livello di disoccupazione è inaccettabile. Sono necessari interventi di politica economica rapidi e coraggiosi", è l'avvertimento del Fondo monetario. Il ministro Padoan: "Voti non pieni, ma buoni"

- "La ripresa dell'Italia rimane fragile e la disoccupazione è a livelli inaccettabili". Lo dice il Fondo monetario internazionale, che chiede al governo di agire: "Sono necessari interventi di politica economica rapidi e coraggiosi. Serve un riequilibrio di bilancio volto a ridurre le aliquote fiscali e ad aumentare la spesa produttiva", si legge nella dichiarazione finale redatta dall'Fmi al termine della missione nel nostro Paese.

Fmi: "Ripresa in Italia resta fragile"

"Ridurre debito ma non far deragliare ripresa - La politica di bilancio "deve assicurare il delicato equilibrio tra collocare il rapporto debito Pil su un sentiero di riduzione ed evitare una stretta eccessiva che faccia deragliare la fragile ripresa economica", afferma ancora il Fondo monetario

"Programma Renzi ambizioso, bene semplificare fisco" - Il Fmi commenta anche le riforme annunciate dal governo. Il programma di Matteo Renzi è "ambizioso". Per l'Fmi l'approvazione della delega fiscale "fornisce un quadro apprezzabile per semplificare e migliorare il sistema fiscale". Serve in Italia "anche un riequilibrio di bilancio volto a ridurre le aliquote fiscali e ad aumentare la spesa produttiva perché questo può sostenere la ripresa".

Padoan: da Fmi voti non pieni, ma buoni - Il giudizio dell'Fmi sull'Italia si traduce "in voti non pieni ma buoni. C'è un grande riconoscimento e incoraggiamento" a proseguire sulla via delle riforme. Lo afferma il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan al termine della missione del Fondo.

Padoan: riforme avviate sono per crescita robusta - Con il Fmi "c'è stata un'ampia convergenza sul ruolo che le riforme strutturali già avviate e che stiamo avviando hanno per riportare l'Italia su un sentiero di crescita robusta e sostenuta", ricorda il ministro dell'Economia, aggiungendo che "condividiamo con il Fondo la raccomandazione a continuare il consolidamento fiscale e favorire la riduzione del debito, cosa di cui siamo ben coscienti".

"Gabbie salariali demodè" - "Il termine 'gabbie salariali' è demodè. Evoca un periodo nel quale non si parlava di riforma della P.a. e di meccanismi di incentivi", ricorda Padoan parlando dell'esortazione dell'Fmi di "differenziare i salari pubblici a livello regionale" che qualcuno interpreta appunto come una nuova edizione delle gabbie salariali. "La raccomandazione del Fondo - spiega il ministro - va letta con gli occhiali di oggi. Noi intanto abbiamo fatto la riforma della P.a.".

TAG:
Fmi