FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Primavera in tavola: i cibi amici di leggerezza e detox

La bella stagione ci invoglia a scegliere alimenti allʼinsegna della freschezza, che ci regalano nuovo sprint ed energia

L’inverno, anche se può riservarci ancora ancora qualche colpo di coda, sembra terminato: le giornate si sono allungate e le temperature si sono fatte più miti. E’ l’ora di archiviare l’alimentazione della stagione fredda e di godere i tanti prodotti della primavera, scegliendo magari quelli che possono regalarci freschezza ed energia e aiutandoci anche a smaltire qualche accumulo di pesantezza invernale.

Alimentazione: i cibi amici della primavera

I CIBI DA METTERE IN TAVOLA – Per una sana alimentazione primaverile è opportuno rinunciare a qualche abitudine alimentare tipica dell’inverno. Abbandoniamo le preparazioni elaborate, i fritti e i condimenti pesanti; scegliamo invece alimenti e cotture semplici, carni bianche, pesce, verdura di stagione e frutta. Tra i prodotti di stagione da godere senza riserve spiccano i carciofi, gli asparagi, il radicchio. I carciofi sono poveri di calorie e utili per eliminare tossine e riequilibrare la flora batterica intestinale. Gli asparagi aiutano a combattere la ritenzione idrica e a combattere la cellulite, mentre il radicchio,  molto ricco di acqua, ha molti antiossidanti ed è perfetto come base per un’insalata colorata e gustosa. Sempre validi alleati di benessere sono spinaci e cavoli. 

LA FRUTTA DELLA PRIMAVERA – La bella stagione porta con sé tanta frutta di ottimo sapore, colorata e piena di proprietà salutari. Fragole, lamponi e altri frutti di bosco sono perfetti per una macedonia fresca e golosa, da condire con qualche goccia di limone. Oltre ad avere un sapore delizioso, i frutti rossi sono ricchissimi di antocianine, sostanze anti-ossidanti utili per combattere i radicali liberi e quindi offrirci un aiuto anti-age. Hanno anche effetti benefici sull’apparato cardiocircolatorio, urinario e nel controllo del colesterolo. Non perdiamoci i vantaggi che ci offrono le ultime arance, ricche di vitamina C e ottime da consumare a colazione, da aggiungere all’insalata e da utilizzare come base per succhi ed estratti. Il limone è sempre un grande alleato di benessere, specie se consumato sotto forma di spremuta una mezz’ora prima di fare colazione: se abbiamo l’accortezza di non aggiungere zucchero, ma solo un po’ di acqua, calda o fredda, ha il potere di ripristinare l’equilibrio alcalino del nostro organismo. Ottimi anche i kiwi: sono ricchi di vitamina C e di molti minerali (tra cui calcio, fosforo e potassio), che danno energia e combattono la stanchezza primaverile. L’ananas è ormai reperibile tutto l’anno, ma con le prime giornate tiepide dà il meglio di sé: è povera di calorie, è diuretica e contiene tanti minerali preziosi. E’ anche dissetante e il suo sapore dolce e fresco ne fa un ottimo fine-pasto.

IDRATAZIONE – Ricordiamo che il modo migliore per eliminare i liquidi in eccesso sta proprio nel bere tanta acqua. Salvo diversa indicazione del medico, il quantitativo di liquidi da assumere quotidianamente è almeno di un litro e mezzo, me se fa caldo e facciamo sport è meglio arrivare a due litri. Possiamo bere semplice acqua, magari frizzante, a cui possiamo aggiungere un po’ di succo di limone non zuccherato. Sì anche a estratti o centrifugati di frutta e versura, ricordando però che la frutta è molto zuccherina e quindi può “pesare” sulla nostra linea; in alternativa sono sempre valide le tisane, il tè verde e le acque aromatizzate. Da evitare invece i succhi di frutta confezionati, che sono ricchissimi di calorie, e soprattutto le bibite gassate, anch’esse vere e proprie bombe caloriche.

STOP ALLA STANCHEZZA PRIMAVERILE – Lo sappiamo tutti: il cambio di stagione è un momento critico in cui il nostro fisico può dare segnali di stanchezza, mancanza di concentrazione, irritabilità. Per combattere questi segnali di malessere è bene rivedere alcune abitudini e non solo di tipo alimentare. Assicuriamoci innanzi tutto di dormire a sufficienza: il fabbisogno di sonno è un dato soggettivo, ma l’indicazione di sette-otto ore di riposo a notte è un punto di riferimento sempre valido.
Paradossalmente, il migliore alleato contro l’affaticamento di stagione è l’attività fisica, specie quella all’aria aperta: esporsi alla luce diurna, infatti, aiuta a regolare il nostro orologio interno, anche in previsione del passaggio all’ora legale (che avverrà nell’ultimo fine settimana del mese, quindi nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo). La luce solare, infatti, è fondamentale per la sintesi della vitamina D, e migliorare il tono dell’umore. Fare movimento all’aria aperta, oltre a farci bruciare un po’ di calorie, ha anche il vantaggio di liberare endorfine e ormoni del benessere, a tutto vantaggio di allegria e buon umore. Basta una bella passeggiata di mezz’ora a passo veloce e il gioco è fatto.
Infine, conserviamo un po’ di tempo da dedicare a noi stessi e a quello che ci piace: il cambio di stagione è un momento delicato, in cui occorre assecondare i ritmi naturali del nostro organismo e concedergli qualche coccola.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali