FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sesso e ricatti in Regione Veneto, sospeso alto funzionario

Lʼultrassessantenne, accusato di violenza sessuale e di tentata concussione ai danni di alcuni dipendenti precari, nega ogni addebito

Sesso e ricatti in Regione Veneto, sospeso alto funzionario

Un dirigente 62enne della Regione Veneto è stato sollevato dal servizio con l'accusa di tentata concussione e di aver richiesto prestazioni sessuali in cambio di assunzioni e avanzamenti di carriera. Su intervento dei magistrati, la Regione lo ha sospeso per 4 mesi con congelamento dello stipendio. Secondo i quotidiani locali, l'alto funzionario del settore Ricerca e innovazione sarebbe stato accusato da 4 dipendenti a tempo determinato, tutti uomini.

L'alto funzionario regionale, vicino alla pensione, secondo l'accusa, dal 2011 al 2017 avrebbe rivolto attenzioni particolari nei confronti di alcuni precari al servizio del suo ufficio, toccandoli nelle parti intime, senza che loro potessero opporsi. Poi li ha ricattati dicendo loro che avrebbe fatto di tutto per impedire la loro assunzione o un avanzamento in carriera in caso di rifiuto davanti a sue ulteriori avance.

Il dirigente non ha risposto al giudice durante l'interrogatorio, negando, invece, all'avvocato, ogni addebito. La Procura, invece, ha reso nota l'inchiesta per verificare che la lista dei molestati non sia da allungare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali