FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Primo Maggio, Mattarella: "Il lavoro dà dignità" | A Bologna in 30mila con Cgil, Cisl e Uil | Scontri a Torino

Di Maio: "Introdurremo il salario minimo". Landini: "La sicurezza è non morire sul lavoro"

Sergio Mattarella, in occasione del Primo Maggio, ha detto che "senza lavoro rimane incompiuto il diritto stesso di cittadinanza, la dignità dell'individuo ne rimane mortificata, la possibilità di sviluppo della società ne rimangono compromesse". Il Capo dello Stato ha anche sottolineato che "le tasse sui redditi da lavoro vanno ridotte". In 30mila a Bologna con i leader di Cgil, Cisl e Uil. A Torino forti tensioni tra forze dell'ordine e no Tav: 3 i feriti.

Mattarella: "Creare lavoro è dovere costituzionale" - La nostra Costituzione, è il monito di Mattarella, impone a chi ha responsabilità pubbliche di "compiere ogni sforzo per ampliare le opportunità occupazionali, per rimuovere le cause degli squilibri tra territorio, per accrescere le conoscenze, gli investimenti necessari a uno sviluppo sostenibile. Si tratta di un dovere pubblico a cui non ci si può sottrarre". Mattarella è intervenuto dal Quirinale nella giornata della Festa dei lavoratori per pungolare il governo a dare il massimo per riempire di contenuti quei passaggi della Carta fondamentale che tutelano non tanto i lavoratori, ma quanti il lavoro non lo hanno. Troppi ancora, per il Presidente della Repubblica che riconosce come gli ultimi dati Istat siano incoraggianti ma ancora insufficienti.

Di Maio: "Sarà l'ultimo Primo Maggio senza salario minimo" - Il vicepremier Luigi Di Maio, anch'egli al Quirinale per la tradizionale cerimonia del Primo Maggio, ha rilanciato: "Il lavoro è la priorità del nostro governo ed è la vera emergenza del nostro Paese. Il nostro sforzo principale è creare lavoro stabile. Nei prossimi mesi lavoreremo al taglio del cuneo fiscale, in vista della prossima legge di bilancio". Sulla portata delle scelte economiche dell'esecutivo incombe l'aumento dell'Iva, che il ministro del Lavoro ha assicurato non avverrà neanche nella prossima legge di Bilancio. Mentre, ha annunciato Di Maio, questo sarà l'ultimo primo maggio senza il salario minimo.

In 30mila a Bologna con i sindacati per più diritti e lavoro - Un'Europa dei diritti e del lavoro: è la richiesta partita dagli oltre 30mila manifestanti riuniti a Bologna la cui piazza è tornata, dopo 17 anni, ad ospitare la manifestazione nazionale dei sindacati Cgil, Cisl e Uil. Al debutto da segretario generale Cgil nella Festa del Primo Maggio, nella "sua" Emilia, Maurizio Landini ha lanciato la proposta di "un sindacato unico dei lavoratori" e ha chiesto che "il salario minimo si faccia a partire dai contratti". E ancora, la sicurezza non è fare "le leggi per armarci e difenderci", ma è "quella di non morire sul lavoro". Carmelo Barbagallo (Uil) si è rivolto al governo: "Incontriamoci e contrattiamo anche per correggere quota 100". Mentre per Anna Maria Furlan (Cisl) si deve "cambiare rotta".

Primo Maggio, in 30mila a Bologna con Cgil, Cisl e Uil

Tensione a Torino tra forze dell'ordine e no Tav: 3 feriti - Tensione invece al corteo del Primo Maggio a Torino tra forze dell'ordine e un gruppo di no Tav. Scontri e tafferugli in seguito ai quali due manifestanti e un poliziotto sono rimasti feriti, non gravemente, mentre altre persone sono rimaste contuse o lievemente ferite. Ma tensioni e scambi di accuse tra Pd e M5s hanno caratterizzato una buona parte del corteo torinese. "Un gruppo di no Tav, tra cui consiglieri comunali e regionali del M5s, hanno aggredito verbalmente e fisicamente esponenti e militanti del Pd prima di essere allontanati dalle forze dell'ordine", ha accusato Davide Gariglio, deputato dem presente alla manifestazione nel capoluogo piemontese. Mentre di "vergognosa carica a freddo" ha parlato Damiano Carretto, consigliere comunale dei 5 Stelle di Torino, che è stato colpito alla testa e a una mano durante gli scontri.

Torino, cariche della polizia contro i No Tav

Papa: "Pensiamo a chi non ha un lavoro, è una tragedia mondiale" - "Oggi celebriamo la Memoria di San Giuseppe lavoratore. La figura dell'umile lavoratore di Nazareth ci orienti sempre verso Cristo; sostenga il sacrificio di coloro che operano il bene e interceda per quanti hanno perso il lavoro o non riescono a trovarlo". E' il messaggio di Papa Francesco al termine dell'udienza generale, nella Festa del Primo Maggio. "Preghiamo specialmente per quanti non hanno lavoro, che è una tragedia mondiale di questi tempi", ha aggiunto il Pontefice.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali