FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ancona, positivo a HIV da 11 anni aveva rapporti non protetti: arrestato untore

Le potenziali vittime, che sarebbero state contattate anche attraverso chat e social network, potrebbero essere 228. A denunciarlo lʼex compagna dopo aver scoperto di essere stata contagiata

Da 11 anni positivo all'HIV, pur essendo consapevole della malattia continuava ad avere rapporti sessuali con diversi partner senza adottare alcuna precauzione. Per questo, al termine di un'indagine coordinata dalla Procura di Ancona, la polizia ha arrestato un uomo nel capoluogo marchigiano. L'"untore", Claudio Pinti, autotrasportatore 36enne, si trova ora in carcere. Le potenziali vittime del contagio potrebbero essere 228. Morta l'ex moglie di Aids.

Ancona, malato Hiv ebbe rapporti non protetti: forse 200 vittime

Potrebbero essere oltre 200 le donne vittime di contagio del virus Hiv per rapporti sessuali con Claudio Pinti, 36 anni, autotrasportatore di Ancona, che, malato da 11 anni, ha continuato ad avere rapporti non protetti. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di lesioni dolose gravissime. La polizia ha lanciato un appello per individuare le potenziali vittime, conosciute dal camionista anche attraverso chat e social network.

leggi tutto

L'uomo, che nega la malattia e rifiuta di curarsi, è stato arrestato per lesioni dolose gravissime dalla squadra mobile di Ancona in collaborazione con lo Sco della polizia. Gli investigatori lanceranno ora un appello per individuare le potenziali vittime, contattate da lui anche attraverso chat e social network.

Denunciato dalla compagna dopo aver scoperto di essere stata contagiata - "Sono stata defraudata della libertà di scegliere e ingannata rispetto alla patologia di cui è affetto". Si è sfogata così con le poliziotte del servizio Reati di Genere dello Sco, diretto da Francesca Capaldo, la compagna dell'autotrasportatore 36enne. La donna, residente ad Agugliano, ha riferito ai poliziotti di aver sporto denuncia anche per evitare che altre potessero correre lo stesso rischio. Lei aveva conosciuto il 36enne a una cena e aveva iniziato a frequentarlo assiduamente da febbraio. A maggio i primi malesseri fisici (mal di gola, febbre) e, anche in considerazione di alcune voci che giravano sullo stato di salute del compagno, aveva deciso di sottoporsi ad accertamenti clinici presso il reparto di Malattie infettive degli Ospedali Riuniti di Ancona. Aveva scoperto così di essere stata contagiata dal virus Hiv. Dopo lo schock, ha riferito la polizia, c'era stata una fitta corrispondenza di messaggi Whatsapp tra i due: lei chiedeva con insistenza spiegazioni su ciò che era accaduto, ottenendo da lui timide ammissioni alternate a complete negazioni della malattia. L'uomo le avrebbe anche inviato un video-selfie in cui inscenava un autoesame con un kit per il prelievo del sangue, per "rassicurarla".

L'ex moglie dell'untore morta di Aids - Il 36enne ha avuto molte altre partner (non è escluso che vi siano anche uomini) con cui ha avuto rapporti sessuali non protetti, compresa l'ex moglie morta di Aids l'anno scorso. Ora la polizia, Squadra Mobile e Sco coordinati dalla Procura di Ancona, stanno cercando di individuare le potenziali persone contagiate dal 36enne - l'uomo ha parlato di rapporti non protetti con circa 200 donne - a tutela della salute pubblica e per permettere a eventuali vittime di fare accertamenti o iniziare eventualmente le cure del caso. Intanto sono stati sequestrati all'arrestato due pc, tablet e due telefoni: i poliziotti stanno passando al setaccio la cronologia dei contatti telefonici e via chat per risalire alle potenziali vittime di contagio per metterle in guardia.

L'appello della polizia per individuare le potenziali vittime - "Per esigenze investigative - scrive in una nota la polizia - e per il rilevante interesse pubblico che potrebbe riguardare eventuali altre vittime di reato, la Squadra mobile di Ancona sta cercando di contattare coloro che abbiano eventualmente avuto incontri sessuali con il Pinti Claudio, di cui si divulga la fotografia. Chiunque fosse in possesso di notizie utili - chiedono gli agenti - è pregato di contattare con urgenza personale della polizia di Stato - Squadra mobile di Ancona, negli orari mattina o pomeriggio al numero 0712288595".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali