FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, donna intubata in ospedale ricoperta di formiche | Regione Campania sospende medici e infermieri

Dopo la segnalazione, è scattata lʼispezione dei carabinieri del Nas: "Le formiche potrebbero essere entrate da una crepa nel muro"

Una donna intubata è stata trovata sommersa dalle formiche in un ospedale di Napoli. E' accaduto nel reparto di Medicina del San Giovanni Bosco e la denuncia è di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, dopo le segnalazioni di alcuni cittadini. Chiusa per la bonifica la stanza del reparto, dove "le condizioni della donna sono inaccettabili", aggiunge Borrelli. Nell'ospedale è scattata l'ispezione dei carabinieri del Nas. Secondo i militari le formiche potrebbero essere entrate da una crepa nel muro. Regione Campania sospende medici e infermieri.

La segnalazione - "Dopo la nostra denuncia, il direttore sanitario Giuseppe Matarazzo ha chiuso la stanza per la bonifica e la pulizia - ha dichiarato Borrelli - la donna, non potendo comunicare, subisce passivamente la crudeltà di chi ha permesso tutto ciò. Il direttore ha aperto, su nostra richiesta, una inchiesta interna per verificare come sia stato possibile ciò e punire gli eventuali responsabili". Il consigliere regionale, che ha anche reso pubblico un video che ritrae la donna nel netto e ricoperta di formiche, ha definito le condizioni della paziente "inaccettabili".

L'ispezione dei Nas - Nell'ospedale napoletano, a seguito della segnalazione, è scattata l'ispezione dei carabinieri del Nas. Presente sul posto anche il direttore sanitario del San Giovanni Bosco, Giuseppe Matarazzo, che ha supportato l'attività dei militari.

L'ipotesi della crepa - Secondo i carabinieri dei Nas le formiche potrebbero essere entrate da una crepa nel muro accanto al lettino  su cui la signora era ricoverata. Su questa crepa si sta concentrando l'attenzione dei militari e del Nucleo Ispettivo dell' Asl Napoli 1 che stanno indagando sul caso. Si tratta di una delle possibili ipotesi al vaglio.

Regione Campania sospende medici e infermieri - I medici e gli infermieri in servizio nel reparto sono sottoposti a inchiesta e a sospensione cautelare. Lo ha affermato la Regione Campania in una nota.

Il precedente - Già nel giugno 2017, sempre lo stesso nosocomio e sempre grazie alle immagini diffuse da Borrelli, era balzata agli onori della cronaca una vicenda analoga. Una donna, ricoverata nel Reparto di medica generale era stata immortalata in un letto sporco e infestato da formiche.

Il direttore sanitario: "Accerteremo le responsabilità" - "Fino a ieri non vi era una situazione simile. In ogni caso sono state avviate tutte le procedure per accertare responsabilità e cause di quanto avvenuto". Così il direttore sanitario dell'ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, Giuseppe Matarazzo, commenta la vicenda. "Come ha riferito il consigliere Borrelli - aggiunge Matarazzo - ho provveduto alla chiusura della stanza e alla bonifica e pulizia dell'area. La paziente è stata trasferita in un'altra stanza".

Secondo quanto riferito, si tratta di una donna extracomunitaria, malata cronica, che avrebbe dovuto imbarcarsi su un volo di linea ma in considerazione delle sue condizioni di salute, è stata ricoverata nel nosocomio napoletano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali