Viaggi
13.4.2012

La Toscana a tutto benessere

Tra acque termali e paesaggi incantati

foto Ufficio stampa
Un viaggio alle terme non può prescindere dalle splendide strutture e dalle gettonate località della Toscana in cui, oltre a cibare il corpo di salubri trattamenti a base di acque ricche di proprietà benefiche, si possono contemplare da vicino il panorama, la cultura e l’arte che molti hanno conosciuto solo sui testi scolastici.  
Il nostro viaggiatore può iniziare l’itinerario dai Bagni di Pisa, a San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, in una estesa pianura fra Pisa, Lucca e Livorno (www.bagnidipisa.com). Lo stabilimento, meta nota già dal Medioevo, poi oggetto di interesse della famiglia De’ Medici e successivamente fra il 1700 e il 1800 frequentato da personalità internazionali, sorge in una splendida villa dei Lorena, i cui affacci sull’affascinante paesaggio toscano possono far scorgere perfino la Torre di Pisa (che varrà la pena di andare a ammirare da vicino). «Le proprietà di queste acque solfato–bicarbonato–alcalino–terrose – spiega il dott. Nicola Fortunati, medico direttore generale della Società delle Terme e del Benessere - permettono di combattere le patologie otorinolaringoiatriche, respiratorie, reumatiche e ancora, attraverso fanghi, bagni e massaggi, il sovrappeso e la cellulite per l’azione antinfiammatoria sia dei minerali sia del calore dell’acqua, che sgorga a 40,5°C».

Il nostro viaggiatore si trova di fronte a quattro percorsi per “dimagrire in Toscana”: il “remise en forme”, il percorso breve “detox”, lo “starter” con fango drenante, vapore termale detossinante e attività fisica, e il percorso “beauty” per migliorare l’aspetto e la salute della pelle. Ai risultati concorre sempre la cura dell’alimentazione che, ispirandosi alla tradizione toscana, viene preparata dallo chef con ingredienti il più possibile a km zero. E poi per allontanare l’alienazione che si vive in città basterà meditare camminando lungo i loggiati in cotto ornati di agrumi, tra gli ulivi e il giardino botanico, dalla Villa fino alla Kafé Haus, la struttura sulla montagna pisana, dove l’imperatrice Maria Teresa d’Austria amava stare seduta a leggere poesie.  
foto Ufficio stampa
Spostiamoci a Monsummano Terme, dove si incontra la grotta termale più grande d’Europa: Grotta Giusti, “l'ottava meraviglia del mondo”, come la definì Giuseppe Verdi nelle sue frequentazioni, è un rifugio naturale che custodisce millenarie stalattiti e stalagmiti ed uno specchio cristallino di acqua calda che avvolge il viaggiatore stanco in un bagno di vapori benefici e disintossicanti (www.grottagiustispa.com). La filosofia di questo centro termale si sintetizza in una parola, “longevità”: qui ci si adopera per rallentare l’avanzare dell’età. L’edificio delle terme è collegato con l’hotel, una villa ottocentesca con saloni affrescati e mobili d’epoca, circondata da un parco secolare; coccole e trattamenti hanno luogo fra il centro benessere con area orientale, la piscina termale all’aperto, la palestra e le numerose zone relax, oppure nel centro di medicina estetica. Se il tempo a disposizione lo concede si può interrompere il relax psico-fisico per almeno un pomeriggio: ci si potrebbe pentire altrimenti di non aver fatto una promenade nella culla della cultura della magnifica Firenze (che dista una trentina di chilometri). 
 
Riprendendo la strada verso sud, prende gradualmente il sopravvento un paesaggio collinare verde e sensuale da cartolina toscana; se si percorre l’antica romana via Cassia, superata Siena si può far tappa nelle terre dei vini Nobile di Montepulciano (www.consorziovinonobile.it) e Brunello di Montalcino (www.consorziobrunellodimontalcino.it) per poi raggiungere la nostra terza meta, San Casciano dei Bagni, nella Val d’Orcia. Queste acque termali al tempo degli Etruschi avevano valore sacro, poiché nel loro gorgogliare vi si riconosceva una manifestazione della volontà divina. Il Fonteverde Natural Spa Resort (www.fonteverdespa.com) dei giorni nostri rimane comunque un luogo in cui sentirsi trattati come divinità; il centro termale misura cinquemila metri quadrati a cui si accede direttamente in accappatoio dalla struttura alberghiera. Il lusso, tanto quanto la comodità, qui non sono optional. Ci sono sette piscine termali, fra quelle al chiuso e quelle all’aperto immerse nel verde, dotate di idromassaggi di ultima generazione oppure dedicate a trattamenti tipo il Thalaquam Massage o il Watsu. Hanno persino una propria linea di creme e cosmetici termali che si possono portare a casa per continuare a beneficiare dei risultati là raggiunti. 
La ricerca medica – spiega il dott. Fortunati - ha evidenziato la capacità “ormetica” delle acque termali cioè di favorire l’adattamento e l’equilibrio psico-fisico, come dire l’antidoto allo stress. Per questo la SPA, la “Salus Per Aquam”, è indicata a tutti, a tutte le età nell’ottica del concetto evoluto di prevenzione. Nonostante che quello alle terme sia un soggiorno di salute, viene percepito e sempre più spesso programmato come vacanza di piacere”.  
Nadia Baldi
OkNotizie
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile