ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
6/4/2006

Premier:"Brogli? Sinistra esperta"

"Servono osservatori Onu per evitarli"

Secondo il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in vista delle elezioni politiche in programma domenica e lunedì, "servono osservatori Onu contro i brogli della sinistra. Debbono venire per difendere noi da questi signori - ha detto il premier - che sono esperti di brogli, con tutti i giornali dalla loro parte, con le tv che si comportano come vedete. Se va avanti così chissà cosa ci combinano".

"Cominciamo a vincere...". Silvio Berlusconi si concede a sorpresa una passeggiata da piazza Colonna a via del Plebiscito, a Roma. Il premier risponde così a chi gli chiede se si possono trovare larghe intese per l'elezione del capo dello Stato. Sempre guardato a vista dai suoi body guard il Cavaliere attraversa via del Corso mandando il traffico in tilt.

Stringe mani, firma autografi, si mette in posa per foto con il cellulare. Abbraccia alcune signore che lo fermano e saluta con la mano passanti, turisti, e curiosi. Mentre attraversa a piedi la strada c'e' anche qualcuno che grida ironico "Prodi, Prodi...". Assediato da microfoni e tv il leader della Cdl rientra a palazzo Grazioli dopo aver scambiato alcune battute con i giornalisti sulla politica interna.

Prodi: "Brogli? Berlusconi ha in mano tutto"
"Berlusconi ha in mano tutto, che brogli puo' temere. Ha tutti gli elementi di controllo". Così il leader dell'Unione Romano Prodi da Cagliari ha replicato al premier che chiedeva gli "osservatori contro i brogli". "Oggi è una bella giornata- ha detto il professore- mancano poche ore e poi domenica si cambia. Con una matita e una scheda, le armi dell democrazia".

Sul caso Mills il leader dell'Unione risponde: "Non commento queste cose. Semplicemente dico che ho, ho avuto e avrò fiducia nella magistratura e che questo è un Paese democratico. Nient'altro". E aggiunge: "Questa campagna è cominciata con insulti alla magistratura e finisce con gli insulti alla magistratura da parte di Berlusconi. Noi vogliamo invece la giustizia, vogliamo una magistratura forte e indipendente".

Poi sul caso "Terra!" Romano Prodi risponde: "E' bellissimo, perchè Berlusconi possiede le televisioni, le controlla, le regola e vorrebbe anche obbligare me ad andare quando decidono loro il palinsesto". "Io da settembre - ha dichiarato Prodi - ho fatto una strategia precisa della mia campagna elettorale. Ho detto che avrei parlato piu' al Paese che nelle trasmissioni televisive, ho avuto tanti incontri con gli italiani e continuerò così sino alle ultime ore. Senza nessun problema - ha concluso il leader dell'Unione - con Mediaset e con i suoi giornalisti di cui ho la massima stima