FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Epoche a confronto, la Londra di oggi "sovrapposta" a quella del 1940

Nella Battaglia dʼInghilterra, la capitale britannica fu bombardata dai tedeschi per otto mesi. Il fotografo Jim Dyson ha unito le immagini storiche a quelle odierne degli stessi luoghi

Il 7 settembre 1940 i moli dell'East End di Londra conobbero la potenza distruttiva dei bombardamenti tedeschi. Sulla City giunsero mille aerei, di cui 300 bombardieri. Era la quarta e ultima fase della Battaglia d'Inghilterra, che vide opporsi l'aeronautica militare nazista, la Luftwaffe, e l'aviazione del Regno Unito tra il 1940 e il 1941. Per rendere l'idea dell'enorme differenza tra l'epoca del "Blitz" (come venne chiamato il bombardamento) e i nostri giorni, il fotografo Jim Dyson ha sovrapposto le foto storiche a immagini di oggi degli stessi luoghi.

La Londra del 1940 e quella di oggi nei fotomontaggi di Jim Dyson

La furia nazista costò caro a Londra: fu distrutto almeno un milione di edifici e vennero colpiti alcuni punti "sacri" per la City, come l'abbazia di Westminster (maggio 1941). A morire furono circa 20mila persone e un milione e mezzo rimase senza casa. La capitale britannica fu bombardata dalla Luftwaffe per 76 giorni consecutivi.

Immagini emblematiche - Come mostra Dyson in uno dei suoi fotomontaggi, per sfuggire al fuoco dell'aviazione tedesca molti londinesi trovarono rifugio sottoterra, sulla banchina della metropolitana. Ad accamparsi in terra, pressate tra loro e scaldate da coperte e giacche, furono anche intere famiglie. L'orrore di quei giorni risalta anche nell'immagine di una donna che lascia la sua abitazione trasportando a mano pacchi e valigie, nella Pall Mall. Era il 15 ottobre 1940. Circa un mese prima, il 13 settembre, una bomba cadde davanti a Buckingham Palace, provocando un profondo cratere. Da lì alla fine dei bombardamenti il palazzo verrà colpito nove volte. Il rifugio antiaereo per la famiglia reale si trovava nella zona della servitù.

La notte più lunga - La maggior parte degli attacchi aerei giungeva dopo il tramonto. La cosiddetta "notte più lunga" fu quella finale del Blitz, tra il 10 e l'11 maggio 1941. Dopo il buio, però, venne la luce, anche se relativa. La vittoria britannica nella Battaglia d'Inghilterra segnò il primo fallimento della macchina da guerra di Hitler e orientò in maniera decisiva la sorti della Seconda guerra mondiale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali