FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Riceveva soldi pubblici per corsi nelle scuole e li usava per auto ed elettrodomestici, preside nei guai

Padova, con il figlio gestiva unʼassociazione no profit finanziata con 140mila euro dal Comune. Ne ha spesi 58mila per sè

Riceveva soldi pubblici per corsi nelle scuole e li usava per auto ed elettrodomestici, preside nei guai

Gestiva un'associazione non profit ricevendo contributi per organizzare corsi di psicomotricità e di altre attività motorie nelle scuole del Comune di Cittadella (Padova). E utilizzava questi soldi per spese personali: elettrodomestici, arredamento per la casa, persino un'automobile. Nei guai è finita una preside della cittadine e con lei il figlio, entrambi responsabili dell'associazione Promosport.

La truffa architettata dalla dirigente scolastica dell'Istituto comprensivo statale di Cittadella è stata smascherata da una lunga e complicata attività giudiziaria della guardia di finanza di Cittadella coordinata dalla Procura di Padova, come scrive il "Gazzettino". L'associazione, rappresentata formalmente dal figlio ma gestita dalla donna, ha ricevuto dal Comune contributi per circa 140mila euro, con cui avrebbe dovuto organizzare corsi per le scuole dell'area. Solo una parte di quei soldi sono serviti allo scopo. Ben 58mila sono invece stati utilizzati dalla dirigenti per acquisti per la casa, imbiancatura, assicurazioni.

I contributi dovevano servire per organizzare corsi gratuiti per le famiglie degli studenti. In realtà, le famiglie degli alunni hanno dovuto versare le loro quote e anche pagare il trasporto. Per madre e figlio il sostituto procuratore ha ora chiesto il rinvio a giudizio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali