FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sanità a rischio caos, sciopero medici e infermieri il 23 febbraio

Il personale infermieristico costretto ad anticipare lʼagitazione che si sovrappone così a quella dei medici

Sanità a rischio caos, sciopero medici e infermieri il 23 febbraio

Il 23 febbraio rischio "tilt" per la Sanità italiana a causa dello sciopero indetto da medici e infermieri. Anticipata per questioni tecnico-giuridiche l'agitazione nazionale degli infermieri e del personale del comparto sanità, inizialmente proclamato per il 26 febbraio: ora le due agitazioni sono in concomitanza. Lo rende noto il sindacato infermieri Nursing Up. Il rischio è dunque quello di un blocco di ospedali e sale operatorie.

Al centro della protesta il mancato rinnovo dei contratti. La protesta degli infermieri, che era stata fissata per il 26 febbraio, avrà dunque inizio il 23 febbraio, a valere per tutti i turni di servizio ricadenti in tale data e quindi dalle ore 00:00 alle ore 24:00. "Siamo stati costretti a spostare lo sciopero degli infermieri per essere in regola con le norme della legge sul diritto di sciopero - spiega il presidente di Nursing Up Antonio De Palma - visto che i medici hanno fatto slittare il loro dall'8 e 9 febbraio al 23". La protesta degli infermieri riguarderà anche le professioni sanitarie, come tecnici radiologi e di laboratorio. Gli infermieri impiegati nel Servizio sanitario nazionale sono circa 250mila.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali