FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Rapina-tir nel napoletano: arrestati quattro banditi

I malviventi sono stati incastrati dalle telecamere di videosorveglianza e dalle manovre maldestre oltre che beffati dal "magro" bottino composto da grattugie elettriche

Rapina-tir nel napoletano: arrestati quattro banditi

Quattro malviventi sono stati arrestati dai carabinieri di Nola, su disposizione del gip del tribunale di Napoli Nord, perché ritenuti responsabili, in concorso, di rapina e sequestro di persona ai danni di un autotrasportatore avvenuta il 9 novembre 2015 ad Arpino di Casoria.

Incastati dalle telecamere - In quell'occasione, i banditi si impossessavano di un tir porta-container che, nell'effettuare una manovra in curva, rimase incastrato proprio in una zona dove erano attive le telecamere di un sistema di video sorveglianza danneggiando anche il "cannoncino" posto all'ingresso dalla città di Saviano. La vittima della rapina, sotto minaccia armata, fu costretta a salire a bordo dell'auto dei rapinatori e, dopo circa un'ora, fu fatta scendere nelle campagne di Acerra. A Saviano, invece, fu rinvenuta la motrice abbandonata e il container carico di refurtiva nascosto in un capannone industriale in disuso. È verosimile che la banda abbia colpito quel tir poiché "informata" circa il fatto che trasportasse "piccoli elettrodomestici", ma certamente non poteva immaginare che ci fossero delle poco allettanti grattugie elettriche multifunzione.

Il nascondiglio - I quattro avevano istituito il proprio covo presso un bar di Marigliano, gestito da F. T., già salito alla ribalta della cronaca per l'omicidio di Enio Tatangelo avvenuto il 25 luglio 2009. Lo zio Luigi, invece, era stato arrestato nel 1999 in Grecia per traffico internazionale di stupefacenti. In manette anche V.S., già sorvegliato speciale perché ritenuto vicino al diversi clan camorristici della zona. Secondo gli investigatori sono loro due i veri specialisti della banda essendo stati arrestati più volte per episodi simili. Sono al vaglio degli investigatori altri colpi analoghi avvenuti nel Napoletano per accertare eventuali loro responsabilità.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali