FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Ilva, "i bimbi di Taranto vogliono vivere". Camera, ok al decreto legge

ll manifesto è stato fatto affiggere da un gruppo di genitori che da anni denunciano i continui casi di tumori in zona

"I bambini di Taranto vogliono vivere". E' la scritta che campeggia su un grande cartellone pubblicitario, in viale Magna Grecia, con la foto dei fumi notturni dell'Ilva. Il manifesto è stato fatto affiggere da un gruppo di genitori che da anni denunciano continui casi di tumori in zona. Gli ambientalisti, intanto, continuano la loro campagna di sensibilizzazione diffondendo immagini e video delle emissioni.

Ilva, "i bimbi di Taranto vogliono vivere". Camera, ok al decreto legge

Intanto, sul fronte strettamente politico, arriva il sì dell'Aula della Camera al decreto legge sulla vendita dell'Ilva.. I voti a favore sono stati 297, 164 i contrari, due gli astenuti. Il testo ora passa al Senato.

Il decreto fissa al 30 giugno il termine entro il quale i commissari dell'Ilva dovranno espletare le procedure per il trasferimento dei complessi aziendali. Le risorse sequestrate al gruppo Riva dovranno essere poi destinate a un apposito fondo per le bonifiche.

"Con l'approvazione del decreto Ilva abbiamo raggiunto importanti risultati: lo stanziamento di 800 milioni per il risanamento ambientale e le bonifiche; 300 milioni per gli stipendi e i fornitori; 35 milioni per i creditori dell'indotto attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI, ferma restando l'A.I.A., Autorizzazione Integrata Ambientale", dichiarano i deputati di Taranto del Pd, Ludovico Vico e Michele Pelillo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali