FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Bari: manda un piatto in frantumi, un bimbo di 2 anni ucciso da un coccio

I genitori hanno cercato di salvarlo con una corsa disperata in due ospedali. Ma per il piccolo non cʼè stato niente da fare

Bari: manda un piatto in frantumi, un bimbo di 2 anni ucciso da un coccio

Aveva tra le mani un piatto, è caduto mandandolo in pezzi ed è morto, ferito da un coccio che lo ha raggiunto alla gola. E' successo a un bambino di soli due anni che era a tavola con i genitori a cena, nella sua casa. Il banale incidente domestico si è trasformato in tragedia per la famiglia di Putignano (Bari), con l'oggetto che ha reciso la carotide al piccolo, uccidendolo.

Tutto è accaduto nel giro di pochi secondi: dopo l'incidente, ogni intervento per cercare di salvare il bimbo si è rivelato inutile. I genitori hanno subito portato il figlio al vicino ospedale "Santa Maria degli Angeli": il personale non è però riuscito a fermare l'emorragia e così il piccolo è stato trasferito d'urgenza all'ospedale pediatrico "Giovanni XXIII" di Bari, dove però i medici hanno potuto soltanto constatare il decesso.

La Procura ha disposto il sequestro della salma, nominando un medico legale che procederà agli accertamenti per definire le cause della morte del bambino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali