FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Assenteismo, lavorano dopo una condanna: uno ottiene la promozione

Si tratta di 36 dipendenti dellʼAsl di Brindisi, che ha "congelato" i procedimenti disciplinari in attesa della sentenza definitiva

Assenteismo, lavorano dopo una condanna: uno ottiene la promozione

A giugno sono stati condannati per assenteismo a pene comprese fra i sei mesi e i 3 anni di reclusione. A oggi i 36 tra medici, infermieri, fisioterapisti, tecnici e addetti amministrativi alle dipendenze della Asl di Brindisi sono ancora in servizio, fatta eccezione per chi è andato in pensione. Uno dei coinvolti ha anche ottenuto una promozione. La Asl ha infatti "congelato" i procedimenti disciplinari in attesa della sentenza definitiva.

Procedimenti riaperti - "I procedimenti disciplinari sono stati riaperti - ha dichiarato il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone - ma non ne conosco con precisione lo stato di avanzamento". Non è stato ancora valutato, a quanto emerge, se le nuove disposizioni previste dalla riforma Madia potranno avere effetto anche a Brindisi.

L'accusa - I dipendenti pubblici finiti sotto processo erano stati filmati nel 2009 e nel 2010 da telecamere nascoste dai carabinieri dei Nas, posizionate all'ingresso della sede del distretto di via Dalmazia, dove si offrono servizi di prenotazione ma anche visite specialistiche. Dalle immagini, poi proiettate in aula nel corso dell'esame dei testimoni dell'accusa, sostenuta dal pm Milto Stefano De Nozza, si scorgevano almeno due addette alle pulizie timbrare i badge di ingresso e uscita dal posto di lavoro anche per altre persone.

Le motivazioni e la promozione - Nelle motivazioni della sentenza il giudice ha in seguito analizzato ogni singola posizione, attribuendo un rilievo di maggiore gravità ai medici coinvolti a uno dei quali, un odontoiatra, è toccata la pena massima inflitta: 3 anni di reclusione. Un altro dirigente medico, un oculista, anch'egli condannato, ha ricevuto di recente un incarico di alta professionalità.

Sentenze impugnate - Le sentenze di primo grado sono state impugnate: si attende la fissazione dell'Appello. Alla Asl è stato riconosciuto il risarcimento del danno patrimoniale, provocato dalle assenze dei lavoratori, ma anche un danno di immagine: il giudice ha infatti rilevato che il personale aveva agito sempre "alla luce del sole".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali