FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Libia, Calcagno: "Avevo lʼimpressione che ci fosse una trattativa in corso"

"Tra i sequestratori non cʼera chi parlava in italiano", afferma lʼex ostaggio smentendo la vedova di Failla, il tecnico ucciso a Sabrata

Libia, Calcagno: "Avevo l'impressione che ci fosse una trattativa in corso"

"Avevamo avuto l'impressione che ci fosse una trattativa in corso per la liberazione, di fatto ci speravamo tanto". E' quanto racconta Filippo Calcagno, uno degli ex ostaggi in Libia, in merito agli ultimi giorni della prigionia durata sette mesi. "Tra i sequestratori non c'era chi parlava in italiano", aggiunge smentendo quanto detto della vedova di Salvatore Failla, il tecnico della Bonatti ucciso a Sabrata.

"Ci dissero attraverso Failla, che era l'unico che capiva il francese, che loro non parlavano neppure tanto bene, di stare attenti e di non dire altre cose se non quelle cose che venivano suggerite", sottolinea durante un'intervista a "Radio anch'io".

"Ci accorgevamo di come stesse andando la trattativa dai trattamenti perché, quando non avevano contatti, loro venivano e si sfogavano con noi. Quando invece avevano il contatto erano più calmi", spiega. "Poi magari venivano, non c'è il contatto e allora giù botte", prosegue.

E sul ritrovamento di un passaporto nel covo, dice: "Quello che hanno trovato nel covo dove eravamo non lo so, abbiamo cambiato luogo solo il 28 novembre" .

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali