FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Strage di Latina, lʼultima follia del carabiniere: ritrovate 5 lettere e un assegno per i "funerali delle bimbe"

Come rivelato da Il Messaggero, Capasso aveva scritto delle missive a genitori e fratelli per spiegare i motivi che lo hanno spinto a sterminare la famiglia e aveva destinato 10mila euro per le esequie

Una strage premeditata: è quanto ipotizzato fin da subito dagli inquirenti al termine del primo sopralluogo nella casa di Cisterna di Latina dopo che l'appuntato dei carabinieri, Luigi Capasso, aveva sparato alla moglie, ucciso le due figlie e si era tolto la vita. Nell'abitazione sono state trovate 5 lettere che Capasso aveva scritto ai genitori e ai fratelli e un assegno da 10mila euro, somma destinata ai funerali per se stesso, la moglie e le bimbe.

Non si tratterebbe, dunque, di un raptus o di un moto di rabbia improvviso. Secondo la ricostruzione de Il Messaggero, Capasso avrebbe premeditato da tempo di sterminare la sua famiglia, pianificando tutto nei minimi dettagli.

L'idea della strage potrebbe essergli venuta il 7 settembre: quel giorno la moglie Antonietta Gargiulo, dopo essere stata aggredita prima davanti ai colleghi e poi a casa in presenza delle figlie, aveva trovato la forza e il coraggio di presentare un esposto contro il carabiniere presso la questura di Latina. Da allora Capasso ha maturato un sentimento di vendetta, sfociato nella strage.

I carabinieri che hanno fatto irruzione nell'appartamento hanno rinvenuto una grossa busta di carta con all'interno altre 5 buste più piccole sigillate. Capasso le aveva portate con sé mercoledì mattina e, probabilmente, le aveva scritte nel suo alloggio presso la caserma di Velletri. Le missive erano indirizzate ai genitori e ai fratelli, ai quali l'omicida voleva spiegare il folle gesto. Nelle lettere destinate ai fratelli, il carabiniere ha fornito tutte le indicazioni in merito alla gestione delle questioni che sarebbero rimaste in sospeso dopo la sua morte.

La scoperta più sconvolgente, però, è l'assegno da 10mila euro che Capasso ha destinato al pagamento dei funerali per se stesso, la moglie e le figlie. L'uomo ha poi disposto che venga venduta la casa di Cisterna nella quale aveva vissuto con la famiglia e come dovrebbe essere ripartito il denaro ricavato. Infine ha anche incaricato il fratello di disdire i contratti per la fornitura di energia elettrica e gas. Il materiale è stato posto sotto sequestro dai carabinieri ed è a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali