FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Madre Aldrovandi: "Il taser non cʼentra, Federico è morto per le botte"

"Il taser - sottolinea Patrizia Moretti - è unʼarma: il problema è la formazione e la cultura dei rapporti con le persone di chi usa strumenti che possono essere letali"

Madre Aldrovandi: "Il taser non c'entra, Federico è morto per le botte"

Federico Aldrovandi è morto "perché hanno continuato a pestarlo, schiacciarlo e dargli calci in testa quando era già stato immobilizzato e chiedeva aiuto". Così replica Patrizia Moretti, la madre del giovane ucciso dalla polizia nel 2005, al questore di Ferrara secondo cui, se ci fosse stato il taser, il ragazzo sarebbe ancora vivo. "Mi dispiace - conclude - che si possa giustificare uno strumento così pericoloso con un paragone che non ha senso".

"Il taser - sottolinea Patrizia Moretti - è un'arma: il problema è la formazione e la cultura dei rapporti con le persone di chi usa strumenti che possono essere letali". La donna contesta anche l'affermazione secondo cui i poliziotti, quella sera del 2005, dovettero usare i manganelli "per fermare un giovane agitatissimo di un metro e 90". "Federico era alto un metro e 75 e pesava 60 chili - ricorda la madre -, evidentemente l'ex questore di Ferrara non si è informato bene, poteva almeno leggere le carte".

Lapidario il padre di Federico, Lino Aldrovandi, che parlando con Repubblica replica: "Mi viene da pensare che quella maledetta mattina il taser non sarebbe stato da usare su Federico, ma su chi lo stava uccidendo 'senza una ragione'".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali