FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Napoli, 4 fermi per la sparatoria al mercato: venne ferita bimba di 10 anni

Due sono legati al clan camorristico Mazzarella e due sono ambulanti. La polizia sta cercando di rintracciare una quinta persona. Il raid fu organizzato per punire il mancato versamento di 20 euro

Quattro persone sono state fermate per la sparatoria avvenuta al mercato del quartiere Forcella, a Napoli, dove rimasero feriti una bambina di 10 anni e tre ambulanti senegalesi. Tra i fermati c'è anche chi ha materialmente esploso i colpi: si tratta di Gennaro Cozzolino, coinvolto nel raid insieme a Valerio Lambiase. Entrambi sono ritenuti contigui al clan camorristico Mazzarella. La polizia sta cercando di rintracciare una quinta persona.

Napoli, sparatoria in pieno centro

Cozzolino, 39 anni, è ritenuto colui che ha esploso i colpi d'arma da fuoco che hanno ferito i cittadini senegalesi e la bambina. Lambiase, 28 anni, nel corso dell'aggressione era, invece, armato di una mazza da baseball. Quest'ultimo è il fratello di Giammarco Lambiase ucciso il 1 marzo del 2015 a seguito di un regolamento di conti tra clan camorristici contrapposti.

Fermati anche Luciano Rippa, 33 anni, e Gennaro Vicedomine, 25 anni, venditori ambulanti nel mercato della Maddalena/Duchesca, non considerati vicini al clan Mazzarella. I due, che hanno partecipato al raid con mazze di ferro, sono stati convinti dagli esponenti del clan Mazzarella che gli stranieri, praticando prezzi più bassi, alteravano il mercato riducendo i loro introiti.

La piccola era rimasta ferita accidentalmente a gamba e piede da un colpo d'arma da fuoco. I tre senegalesi feriti hanno 36, 38 e 32 anni. I primi due erano stati colpiti lievemente da alcune schegge. Il terzo, che comunque non è in pericolo di vita, era stato ferito in maniera più seria.

Il raid fu organizzato dal clan Mazzarella per colpire un quarto cittadino senegalese, anch'egli venditore ambulante, colpevole di non aver versato la somma di 20 euro a titolo di estorsione imposta per poter esercitare la propria attività commerciale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali