ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità

29/5/2006

Calciopoli: anche la B nel mirino

2004/2005, sotto accusa le toscane

Dalle intercettazioni che hanno sconvolto il mondo del calcio italiano finiscono nel mirino le squadre toscane impegnate nel campionato di Serie B, stagione 2004/2005. Secondo i Pm di Napoli che stanno conducendo l'inchiesta, in alcune gare di Arezzo ed Empoli sono state riscontrate delle manovre per alterare i risultati con falsi rigori ed espulsioni concordate. Sotto accusa Arezzo-Salernitana ed Empoli-Vicenza.

Era inevitabile che prima o poi calciopoli tendesse i propri tentacoli sulla B. Ma lo scenario che le famose intercettazioni lasciano trapelare è sconvolgente: partite truccate, rigori fasulli, fuorigioco inesistenti ed espulsioni corcordate a tavolino. Tutto per favorire due squadre toscane, Arezzo ed Empoli, nel campionato 2004/05. Ed ora, la bufera che si sta abbattendo sulla A, rischia di investire con vigoria inaudita anche la cadetteria, rimettendo in discussione promozioni e retrocessioni, visto che lo scorso anno Genoa e Torino pagarono la mancata promozione in A.
Nel mirino degli inquirenti sono finite due partite: Arezzo-Salernitana 1-0 ed Empoli-Vicenza 2-1; ma da verificare ci sono anche Arezzo-Catanzaro 2-1, Cesena-Arezzo 0-1 ed Arezzo-Catania 3-1. Il nuovo filone su calciopoli è nato dalle intercettazioni che coinvolgono l'accompagnore degli arbitri per il Milan, Leonardo Meani, e vari interlocutori, tra cui il guardalinee Claudio Puglisi. I pm della Procura di Napoli, Narducci e Beatrice, stanno incrociando i dati per controllare le corrispondenze fra arbitri, assistenti ed esiti delle gare.

In una conversazione intercettata tra Meani e Danilo Nucini, ex arbitro di A e B, i due parlerebbero di pressioni esercitate dai "capi" nel campionato cadetto per favorire le squadre toscane alterando, come sottolineano gli inquirenti, i risultati sportivi. Sconvolgente quanto intercettato in una conversazione con protagonista Stefano Titomanlio, allora guardalinee in Arezzo-Salernitana: "e c'era l'attaccante che si è liberato un po', è forzato e io gli ho...sono andato su tutte e due le volte per come fallo in attacco...cioè piuttosto che venga fuori una contestazione, stava facendo pressione (la Salernitana) e c'era il rischio che pareggiasse. Ho detto mo' vado su perchè almeno, la cosa pulita...capisci?". Ancora peggio in Empoli-Vicenza, vinta dai toscani grazie a due rigori molto discutibili in appena 10 minuti e che costò strascichi disciplinari ad alcuni giocatori veneti. La direzione di Nucini, arbitro, e degli assistenti Pascariello e Cuttica sollevò molti dubbi. Che ora potrebbero diventare pesanti certezze.