FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tumori, chemio racchiusa in bolle di gas "va dritta" al cervello: primi test in Canada

Il metodo ideato presso il Sunnybrook Health Sciences Centre di Toronto consente di superare la barriera emato-encefalica in maniera non invasiva

Tumori, chemio racchiusa in bolle di gas "va dritta" al cervello: primi test in Canada

Far arrivare i farmaci chemioterapici direttamente al cervello superando la barriera emato-encefalica in maniera non invasiva. E' il frutto di una nuova tecnica per la lotta ai tumori realizzata presso il Sunnybrook Health Sciences Centre di Toronto, in Canada. I primi test sono stati effettuati iniettando nel sangue delle minuscole bolle riempite di gas, "spinte" fino al cervello da un fascio di onde a ultrasuoni. La tecnica offre speranza anche contro altre malattie come demenza, epilessia e Parkinson.

Tumori, chemio racchiusa in bolle di gas "va dritta" al cervello: primi test in Canada

I test effettuati sugli animali in laboratorio hanno dato risultati incoraggianti. "Tuttavia non è ancora chiaro se la terapia provoca o meno effetti collaterali - spiegano gli esperti - e pertanto servirà una nuova fase di sperimentazione".

Oltre lo scudo del cervello - La barriera emato-encefalica ha il compito di proteggere il cervello da agenti patogeni e tossine, ma anche dal passaggio di altre molecole tra cui i farmaci. Per questo motivo i ricercatori hanno praticato dei fori temporanei nella barriera per far passare "in modo sicuro" i farmaci chemioterapici.

La prima tester al mondo - La prima in assoluto a sperimentare questa tecnica è stata Bonny Hall, donna di 56 anni, che per otto anni è riuscita a tenere sotto controllo il suo tumore al cervello attraverso i farmaci. All'inizio di quest'anno, però, i medici le hanno consigliato una terapia più aggressiva e mirata per combattere il cancro crescente. Al momento le analisi indicano una buona risposta alla terapia da parte della paziente. I ricercatori dovranno tuttavia esaminare una piccola parte del tumore della Hall, prelevata chirurgicamente il giorno dopo la terapia, per confermare che la chemio è penetrata nel cervello.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali