FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Salute >
  • Speranza per diabete giovanile, staminali mutate in cellule pancreas

Speranza per diabete giovanile, staminali mutate in cellule pancreas

Sono in grado di rilasciare insulina e regolare zuccheri nel sangue

- La chiave per sconfiggere il diabete di tipo 1 potrebbero essere le staminali embrionali. Queste possono essere modificate in modo da diventare cellule beta del pancreas e riuscire a produrre, dunque, insulina e a controllare la quantità di zucchero nel sangue. La scoperta della Harvard University, testata al momento solo su topi, è stata pubblicata su Cell. Il ricercatore a capo del team, Doug Melton, ha due figli affetti dalla patologia.

Speranza per diabete giovanile, staminali mutate in cellule pancreas

Lo studio - Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che distrugge le cellule B pancreatiche e che colpisce circa il 3% della popolazione mondiale.

La squadra di ricerca ha prodotto in laboratorio centinaia di milioni di cellule grazie alle staminali embrionali, realizzando poi un mix di sostanze chimiche in grado di trasformarle in cellule beta del pancreas, attaccate e distrutte dal sistema immunitario nelle persone affette diabete giovanile.

Nei topi di laboratorio con questa patologia le cellule si sono rivelate in grado di produrre insulina e regolare i livelli di zucchero nel sangue per diversi mesi.

"A un passo dal traguardo" - Doug Melton, a capo dell'équipe di ricerca, ha spiegato: "E' gratificante sapere di essere riusciti a fare qualcosa che non credevamo possibile, siamo a un passo preclinico di distanza dalla linea finale del traguardo".

Lo scienziato, in relazione alla patologia dei propri figli, ha aggiunto: "I miei figli non sono rimasti molto colpiti. Credo che come tutti i ragazzi abbiano pensato semplicemente che visto che glielo avevo promesso l'ho fatto". Nonostante i risultati positivi, però, sono necessarie ulteriori ricerche.

TAG:
Harvard University
Cell
Doug Melton