FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • S&P taglia il rating dell'Italia a quasi "spazzatura" ma recessione è finita

S&P taglia il rating dell'Italia a quasi "spazzatura" ma recessione è finita

Il nostro Paese declassato da BBB a BBB- con outlook stabile. Il giudizio negativo a causa di "una crescita perennemente debole e bassa competitività". Sul Jobs Act: "Passo avanti ma rischi su attuazione". Governo: "Nessuna bocciatura ma andare più veloci"

- L'agenzia Standard&Poor's ha annunciato di aver tagliato il rating dell'Italia portandolo da BBB a BBB- con outlook stabile. Il motivo del declassamento è "un forte aumento del debito, accompagnato da una crescita perennemente debole e bassa competitività".

S&P taglia il rating dell'Italia a quasi "spazzatura" ma recessione è finita

"Jobs Act passo avanti ma rischi su attuazione" - "Prendiamo atto che il premier Renzi ha fatto passi avanti col Jobs Act, tuttavia non crediamo che le misure previste creeranno occupazione nel breve termine", scrive S&P nel rapporto, sottolineando inoltre che i "decreti attuativi" della riforma potrebbero "essere ammorbiditi e ciò potrebbe accadere alla luce di una opposizione crescente".

Nel 2015 fuori da recessione - "L'Italia uscirà dalla recessione nei primi mesi del 2015". E' quanto prevede S&P, sottolineando però che la crescita l'anno prossimo sarà di un "modesto" +0,2% rispetto al +1,1% stimato in precedenza dall'agenzia.

Taglio rating spinge Italia verso livello spazzatura - Con il declassamento l'Italia si trova ora solo ad un gradino dal livello "junk", ossia spazzatura.

Governo: nessuna bocciatura ma andare più veloci - "Il giudizio di S&P non è una bocciatura del jobs act, dicono che le riforme vanno bene ma bisogna andare più veloce". E' la valutazione di fonti di governo per le quali la cosa "positiva" è che l'agenzia di rating vede "elementi buoni nelle riforme ma non tali da compensare il debito e risvegliare a breve l'economia".

TAG:
S&P
Italia
Standard and Poor's