FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

A ciascuna la sua forma: ecco come valorizzarti al meglio (ed essere bellissima)

Con lʼarmonia delle proporzioni puoi valorizzare non solo i tuoi punti di forza, ma trasformare al meglio anche le imperfezioni

Istockphoto

Quante volte ci è capitato di sentirci inadeguate davanti alle foto delle celeb che esibiscono fisici mozzafiato o piuttosto demoralizzate indossando abiti capaci di mettere in risalto solo un certo tipo fisico? E' ora di imparare a valorizzarci al meglio, perché la bellezza non ha nulla a che fare col peso o la taglia di un vestito, ma riguarda invece l’equilibrio delle proporzioni

Da che parte sta l'errore? Tanto per cominciare, iniziamo col dire che nessuna di noi è sbagliata, è il concetto di uniformità della moda ad essere sbagliato. Per fare chiarezza, possiamo farci aiutare da Rossella Migliaccio, autrice di "Forme", per capire come valorizzare i nostri punti di forza nella loro unicità, in quanto sentirsi più belli non è né sbagliato, né frivolo, ma ci supporta nell'affermare la nostra personalità senza dovere per forza aderire a uno standard prefissato.

 

Nessun difetto, solo caratteristiche: nella moda e nella bellezza, occorre acquisire maggiore consapevolezza di noi stesse e del nostro corpo, dei nostri punti di forza, che spesso sottovalutiamo, e di quelli che consideriamo i nostri punti deboli, per accettarli e persino valorizzarli con l'outfit più giusto. Grazie al gioco delle proporzioni, con tagli, colori e tessuti che possono creare incredibili illusioni ottiche, saremo al top: se un pantalone o un abito non ci dona, non è un problema del nostro corpo, ma stiamo semplicemente forzando la nostra forma in un contenitore sbagliato. Il segreto è trovare quello della forma giusta per noi. 

 

Un concetto rivoluzionario: una cosa deve essere ben chiara quando parliamo di bellezza., e cioè deve essere l’abito ad adattarsi al corpo e non viceversa. In "Forme" si supera il concetto di diversity per arrivare a quello di variety: la natura infatti ha immaginato per il nostro corpo un’infinita varietà di forme e nessuna di esse è giusta o sbagliata, perché non esiste un "propotipo".

 

Tutta questione di "Body shape": sempre per valorizzarci al meglio, non dimentichiamo che ciascuna di noi ha una propria forma del corpo. Per scoprire a quale dobbiamo fare riferimento non serve alcun test particolare, ma solo un’osservazione obiettiva. Mai però dimenticare che il nostro corpo è un po' come la casa in cui viviamo: a volte la rendiamo bella per gli ospiti,, ma in realtà ce ne prendiamo cura soprattutto per goderne noi stesse, perché sentirci a nostro agio nello spazio ci dà una sensazione di profondo benessere.

 

Di che forma sei? Tra le differenti silhouette descritte in "Forme", la pera è forse la più semplice da riconoscere tra le body shape: si tratta di un triangolo dove la figura è più morbida nella parte inferiore del corpo rispetto alla superiore. Quando invece si parla di body shape mela, o triangolo inverso, la parte più importante del nostro fisico si trova nella parte nella parte superiore del corpo. La figura delle donne rettangolo è più uniforme, perché queste persone tendono a ingrassare e dimagrire in maniera omogenea mostrando un punto vita appena accennato. Una body shape molto simile è l’ovale, che tende però ad accumulare grasso nella fascia addominale. C'è poi la donna clessidra, che è omogenea, ma ha un punto vita particolarmente arcuato. Infine, simile alla clessidra, vi è la cosiddetta "otto", una body shape più compatta: i fianchi si allargano subito dopo il punto vita.

 

Attenzione al baricentro: un altro aspetto fondamentale per capire come siamo fatte e identificare l'outfit migliore per noi, è individuare l’altezza del baricentro. Secondo Migliaccio il baricentro,  che non ha nulla a che fare con la body shape, riguarda la lunghezza della gamba rispetto al resto del corpo ed è importante proprio per calibrare le proporzioni. Ad esempio, è proprio l’altezza del baricentro a spiegare perché alcune donne non sono affatto valorizzate dalle ballerine, mentre per altre possono costituire un look dal grande fascino. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali