Tendenze

Giacca anni Ottanta: un cult tornato di moda

Dal rosso acceso, al velluto, passando per le righe e per la stampa a quadri. Scoprite i modelli da non perdere

18 Nov 2015 - 08:00

    © dal-web

© dal-web

La giacca anni 80 è un vero e proprio cult da acquistare oggi se apprezzate il periodo storico e vi piace l'idea di indossare un capo vistoso. I modelli in commercio sono davvero tanti e variegati, troverete la variante che più fa per voi seguendo i nostri consigli.

Giacca anni Ottanta: un cult tornato di moda

1 di 14
© dal-web  | Osate con silhouette e ricami fuori dal comune© dal-web  | Osate con silhouette e ricami fuori dal comune© dal-web  | Osate con silhouette e ricami fuori dal comune© dal-web  | Osate con silhouette e ricami fuori dal comune

© dal-web | Osate con silhouette e ricami fuori dal comune

© dal-web | Osate con silhouette e ricami fuori dal comune

Dark e misteriosa: il nero è in assoluto il vostro colore preferito? Puntate su un modello che abbia dettagli particolari, non accontentatevi della “solita giacca”. Un esempio? Quella con punto vita in evidenza di Haider Ackermann o con frange decorative di Tom Ford.

Sontuoso velluto: vi piace osare senza strafare? Il velluto è il materiale per voi. Scegliete un capo in tonalità scura, come la giacca blu di Emilio Pucci.

Metal: sfumature preziose per non passare inosservati. Il consiglio è quello di creare un mix con altri capi più sobri, e se vi piace lanciarvi in mise d'effetto abbinate giacca a pantaloni. Scintillio assicurato!

Tinte chiare: chi lo ha detto che d'inverno non si possono indossare giacche dalle nuance pacate? Un candido bianco firmato The Row è perfetto per le amanti del neutrale, ma anche avorio e/o beige fanno la loro figura.

Decorate: per spezzare la monotonia giocate con le stampe e osate. Interessante il modello Etro, con nuance dorate e motivo intrigante, se però non vi convince virate verso qualcosa di più sobrio con decorazioni di lana come per esempio la giacca di Miu Miu.

Leggi gli altri articoli moda su Grazia.it

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri