FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Musicoterapia: la colonna sonora che ci fa sentire bene

Le melodie aiutano il relax, migliorano le prestazioni sportive e aiutano persino a curare alcune patologie

Musicoterapia: la colonna sonora che ci fa sentire bene

Lo abbiamo sperimentato tutti: il giusto sottofondo musicale aiuta a “creare l’atmosfera”: la musica adatta può fare la differenza nell’aiutarci a rilassarci e scacciare pensieri negativi, creare un ambiente romanico, persino nel migliorare le nostre prestazioni sportive. La scienza ha dimostrato che può contribuire alla guarigione di alcune patologie: in questo caso si parla di vera e propria musicoterapia, una pratica ormai accreditata e utilizzata per fini clinici. Anche se siamo in buona salute, nella vita di tutti i giorni la musica può essere una buona compagna di viaggio e un’alleata di compagnia e benessere.

IN MEDICINA – La scienza lo ha confermato da tempo: l’uso della musica e dei suoi elementi costitutivi, come il ritmo, la melodia e l’armonia, è molto utile sia nel favorire la comunicazione, la relazione e l'apprendimento, ma anche la motricità e l'espressione. Come spiega la World Federation of Music Therapy (Federazione Mondiale di Musicoterapia), la musica è un valido supporto nella soddisfazione di una serie di necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive, e per questo motivo viene utilizzata come un vero e proprio strumento terapeutico complementare. Può essere molto utile, ad esempio nei reparti di patologia neonatale, per confortare i piccoli nelle incubatrici, o in pediatria dove a volte sono presenti in laboratori di giochi musicali. La musica può aiutare anche gli anziani affetti dal morbo di Alzheimer e di altre malattie degenerative. E’ stato anche dimostrato che far ascoltare musica a un paziente in attesa di un intervento chirurgico funziona meglio di un farmaco sedativo nel controllare lo stato di ansia.

QUESTIONE DI CERVELLO - La musica ha un impatto importante sul cervello, specie se la melodia implica alcune particolari frequenze. Secondo una teoria non ancora dimostrata scientificamente, ma molto ben collaudata empiricamente, i suoni intorno ai 528 Hz sembrano avere un effetto particolarmente rilassante e in grado di generare nel nostro organismo elevati stati di benessere. Il fatto di suonare uno strumento musicale, poi, potenzia lo sviluppo celebrale dei bambini e migliora persino il rendimento in matematica. La musica rilassante aiuta il lavoro dei nostri neuroni (le cellule nervose) e crea uno stato mentale favorevole per concentrarsi e migliorare le nostre facoltà di ragionamento.

PER IL BENESSERE - La musica ha un impatto benefico anche sul cuore: abbassa la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca, contribuendo allo stato di benessere psico-fisico generale. Ascoltando musica, ma anche semplicemente i suoni della natura, il fisico libera endorfine e serotonina, sostanze amiche dello stare bene. E del buon umore. Una buona play list rilassante, da ascoltare prima di andare a dormire può facilitare il riposo e abbreviare i tempi necessari a prendere sonno.

PER LO SPORT – Gli sportivi lo sanno bene: una giusta colonna sonora, stavolta energizzante e con un ritmo sincronizzato a quello del battito cardiaco o del respiro, aiuta a sopportare meglio la fatica dell’allenamento e migliora le performances. La musica scandisce il tempo dei movimenti e, nello stesso tempo, diverte e distrae dal pensiero della fatica. Gli studiosi di Sport, Health & Excercise Sciences della Brunel University di Londra, hanno individuato due diverse modalità di fruizione musicale, entrambe benefiche sui risultati sportivi: prima dell'esercizio ascoltare la musica contribuisce alla precisione del riscaldamento e della routine pre-gara, fornisce la giusta motivazione e il corretto stato d'animo, diminuendo anche del 10% la sensazione di fatica (solo però nel caso di esercizi anaerobici, cioè di forza muscolare esplosiva). Ascoltare musica mentre ci si allena, invece, migliora la concentrazione, ottimizza la performance e fa avvertire meno la fatica, specie se si praticano discipline faticose come la corsa o il ciclismo. In questi casi, le cuffiette musicali nelle orecchie possono essere ottime alleate.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali